FOTO: NBA.com

Questo contenuto è tratto da un articolo di Lee Tran per FadeAway World, tradotto in italiano da Davide Corna per Around the Game.


I Los Angeles Lakers non stanno avendo l’annata che ci si aspettava prima dell’inizio della stagione. Sono stati attorno al 50% per mesi, e sono attualmente 21-22 e ottavi nella Western Conference. In una situazione del genere, non è difficile capire perché siano sempre di più i trade rumors intorno ai giallo-viola.

Nonostante la maggior parte dei tifosi stia aspettando la cessione di Russell Westbrook, secondo la maggior parte degli insider vicini all’organizzazione l’interesse per Russ nella lega è vicino allo zero, soprattutto per il peso del suo contratto. Visto che una trade per Westbrook è praticamente impossibile, dunque, i Lakers stanno esplorando altre opzioni.

Jake Fischer (Bleacher Report) ha riportato che, pur avendo una flessibilità salariale molto limitata (e poco o niente da cedere come Draft capital), Rob Pelinka e soci abbiano contattato diverse squadre negli ultimi giorni.

L’ultimo nome emerso è quello di Gary Trent Jr (Raptors), probabilmente un profilo più “alla portata” rispetto ad altri giocatori associati ai giallo-viola nell’ultimo mese, come Ben Simmons, Jerami Grant e Myles Turner. Come riportato da Michael Scotto (HoopsHype), comunque, “sono tanti i giocatori per cui hanno chiesto informazioni. Recentemente hanno avuto chiacchierate con gli executive di tutta la lega.”

Prima di tutto, Pelinka sta provando a valutare il valore di mercato di alcuni veterani ai margini del progetto tecnico, come DeAndre Jordan, Dwight Howard e Kent Bazemore:

“I Lakers hanno poca flessibilità salariale, ma questo non li ha scoraggiati dall’esplorare diverse potenziali opportunità. Rob Pelinka e soci dispongono solo di Talen Horton-Tucker e Kendrick Nunn come giocatori non al minimo salariale e con un discreto valore di mercato, e questa coppia di giocatori probabilmente non sarebbe sufficiente per arrivare a profili come Jerami Grant o Myles Turner. E così, i Lakers hanno contattato diverse squadre per capire se e cosa possono riuscire a ottenere in cambio di DeAndre Jordan, Dwight Howard e Kent Bazemore.”

– Jake Fischer (Bleacher Report)

Chiaramente, il valore di questi tre veterani con contratti al minimo è molto basso. Se dovessero partire senza che in cambio arrivi un altro giocatore, comunque, si creerebbe spazio in vista del mercato dei buyout. Brian Windhorst (ESPN), infatti, ha riferito qualche giorno fa che i Lakers stanno tentando di muovere i giocatori ai margini delle rotazioni di Frank Vogel per liberare uno o più posti a roster.

Saranno settimane, le prossime, molto calde per il front office dei giallo-viola. C’è una stagione da raddrizzare e… delle colpe da espiare.