L’ala potrebbe seriamente dire addio ai Detroit Pistons. Direzione?

jerami grant detroit pistons nba around the game
FOTO: NBA.com

Jerami Grant sembra non rientrare nei piani nella dirigenza dei Detroit Pistons, che secondo Yossi Gozlan potrebbe essere essere intenzionata a cedere l’ex Nuggets.

In effetti, come spiegato dallo stesso Gozlan, il progetto della franchigia non coincide affatto con la timeline di Grant, dato che si tratta di un giocatore funzionale, ma troppo costoso: nel 2022 potrà infatti rinnovare il suo contratto per un massimo di circa $112 milioni in 4 stagioni, vale a dire circa $28 milioni annui fino all’età di 33 anni. Il prossimo anno percepirà poco meno di $21 milioni.

Vista la volontà di Detroit di costruire sul lungo termine, e visto il valore di mercato del giocatore, le squadre interessate ad una possibile trade non mancherebbero. Ecco 4 possibili opzioni.

#1: Utah Jazz

Come spiegato alcuni giorni fa da Shams Charania, la lacuna forse più grande del roster di Utah riguarda l’assenza di un’ala versatile, fisica e abile in difesa, e Grant sarebbe un ottimo modo per colmarla.

Visto il suo stipendio, si potrebbe ipotizzare uno scambio con Bojan Bogdanovic e draft compensation; se invece i Jazz non volessero – legittimamente – sacrificare Bogdanovic, come suggerito da Kevin O’Connor (The Ringer), forse un pacchetto con Joe Ingles (in scadenza) o Jordan Clarkson, più Udoka Azubuike ed Eric Paschall potrebbe funzionare.

#2: Chicago Bulls

Il grande inizio dei 6 volte campioni NBA potrebbe estendersi a qualcosa di molto ambizioso ad Est. Manca forse un passo ulteriore da compiere, e Grant potrebbe essere una buona idea per farlo.

Il prezzo? Secondo Yossi Gozlan, una discreta quantità di role player (considerando però Patrick Williams incedibile, seppur ai box per tutta la stagione), come Coby White, Troy Brown e Derrick Jones Jr. A livello di scelte, la situazione è invece più complessa, causa Stepien Rule; una scelta al primo giro scambiabile sarebbe in ogni caso quella dei Blazers nel 2022.

jerami grant detroit pistons nba around the game
FOTO: USA Today Sports

#3: Phoenix Suns

Anche a Phoenix un’ala fisica come Grant farebbe molto comodo per cercare di raggiungere nuovamente le NBA Finals, auspicabilmente con un finale diverso. E anche in questo caso, le volontà a lungo di termine di Detroit potrebbero essere determinanti: due nomi potrebbero essere quelli del 21enne Jalen Smith, la cui team option per la stagione successiva è già stata rifiutata da Phoenix, e di Cam Johnson, molto incisivo negli scorsi Playoffs, ma non incedibile per arrivare a un giocatore più “pronto”; per pareggiare i salari sarebbe poi richiesto anche il sacrificio di Dario Saric, che però è out per tutta la stagione a causa di un infortunio al legamento crociato anteriore.

Il possibile ostacolo riguarderebbe però il libro paga dei Suns, considerando che Deandre Ayton, nonostante non abbia ancora rinnovato, dovrebbe prolungare il suo contratto a cifre molto alte.

#4: Los Angeles Lakers

I giallo-viola non potevano mancare in questi trade rumors, riportati da Jake Fischer (Bleacher Report). Come ormai sappiamo, la mancanza di giocatori appetibili/spostabili con uno stipendio elevato o minimo limita pesantemente la flessibilità di LA sul mercato.

Si parte dunque, necessariamente, dall’ipotizzare il sacrificio di Talen Horton-Tucker e Kendrick Nunn, le uniche eccezioni. In più, potrebbero servire anche i saluti di Austin Reaves, un altro giovane che potrebbe interessare ai Pistons in ottica futura.