Foto: CNN

Questo contenuto è tratto da un articolo di Ishaan Bhattacharya per Fadeaway World, tradotto in italiano da Marco Barone per Around the Game.


Bronny James ha fatto il suo debutto per gli USC Trojans la scorsa notte in una sconfitta a sorpresa contro Long Beach State. L’avventura di Bronny per essere draftato in NBA è ancora viva, ma potrebbe davvero finire ai Lakers nella notte del draft? Bobby Marks ha spiegato come Los Angeles potrebbe riuscire in questa operazione nonostante il controllo della loro pick sia al momento in mano ai New Orleans Pelicans.


La cosa interessante è che potremmo arrivare intorno alla 20esima scelta con squadre aventi ancora più di una pick disponibile, come i Pacers o i Knicks. Ovviamente siamo tutti concentrati su quello che potrebbe accadere con quella dei Lakers. New Orleans possiede la scelta ma può rimandarla fino al 2025. Se la scelta fosse, per esempio, la 23 o la 24, e Los Angeles la mantenesse, prenderebbero davvero Bronny per metterlo in coppia con il padre?

L’ultima scelta scambiata nella trade Anthony Davis deve essere data ai Pelicans o questa stagione o la prossima, infatti New Orleans potrebbe decidere di spostare la scelta al 2025, se volesse. Ma se la pick finisse tra la 25 e la 30, è più probabile che i Pelicans scommettano su un crollo dei Lakers nella stagione 2024/2025 che si accontentino di una scelta alla fine del primo giro.

Se i Lakers potessero mantenere il controllo sulla loro scelta, sarebbe un’enorme colpo per la franchigia, che diventerebbe la favorita per scegliere Bronny, assicurandosi quindi che LeBron James non se ne vada per coronare il suo sogno di giocare con il figlio.

Una squadra potrebbe scegliere Bronny prima, solo per arrivare a LeBron?

Una speculazione che molti hanno fatto è che LeBron James potrebbe lasciare i Lakers questa estate, alla fine del suo contratto, e firmare con qualsiasi squadra finisca con il draftare Bronny solo per giocarci prima del ritiro.

Marks pensa che sia improbabile una squadra prenda davvero questa strada, con Bronny che al momento è proiettato fra la fine del primo giro e l’inizio del secondo, nel peggiore dei casi.

Vedo difficile che una squadra, specialmente in top-10, faccia una cosa del genere. Le squadre non operano in questa maniera, operano seguendo una logica che sia in linea con la board

Bronny era una volta considerato un prospetto borderline top-10, prospettato dalla stessa ESPN in quella zona, ma i problemi di salute e i primi mesi di stagione NCAA lo hanno stabilizzato molto più in basso nella maggior parte delle board. Le squadre in rebuilding avrebbero pochissimi incentivi a sceglierlo solo per avere LeBron a roster, a meno che non vogliano solamente vendere biglietti e merchandising vario.

James aveva precedentemente detto che gli sarebbe comunque andata bene anche se lui e Bronny non fossero stati compagni, perlomeno finché avrà la possibilità di giocare contro di lui. Se il figlio finisse in una squadra che lui non considerasse abbastanza competitiva, è improbabile che lasci i Lakers per questo. Similmente, le squadre che puntano sul futuro hanno probabilmente scelte migliori da fare nel draft a livello di prospetti.

Una squadra “vincente” potrebbe sicuramente fare un tentativo. Per esempio, i Knicks potrebbero scegliere Bronny per convincere finalmente a LeBron ad unirsi a loro? Manterrebbero fra l’altro anche tutti gli asset che hanno accumulato per un grande colpo, quindi potrebbero farlo e anche entrare nella prossima stagione come contender? Sarà interessante vedere come il draft di Bronny si svilupperà e se LeBron seguirà il figlio in una nuova squadra questa estate.