C’è già grande apprezzamento per la promozione di Vaughn, che diventa il 16esimo allenatore nero in NBA, un record.

FOTO: NBA.com

Questo contenuto è tratto da un articolo di Marc J. Spears per Andscape, tradotto in italiano da Fabrizio Riposati per Around the Game.



Per la prima volta nella storia dell’NBA, la maggior parte degli head coach sono afro-americani, proprio come la maggioranza dei giocatori. I Brooklyn Nets hanno promosso Jacque Vaughn a capo allenatore mercoledì scorso. Con la promozione di Vaughn, ci sono adesso 15 full-time coach neri e uno ad interim (Mazzulla dei Celtics): un record per l’NBA che, secondo Statistica, è composta dal 71.8% di giocatori afroamericani.

“Non si è mai trattato di quanti allenatori neri ci sono”, ha dichiarato il coach dei 76ers, Doc Rivers, un afroamericano con 1.048 vittorie da head coach. “Per me si tratta di dare le stesse opportunità a tutti di diventare allenatori. Il fatto che siamo 16 adesso amplifica questo concetto. Jacque Vaughn non ha avuto il lavoro perché è nero. Se l’è guadagnato perché era il più qualificato.”

L’improvvisa ascesa degli head coach afroamericani è sorprendente se si considera qual era la situazione appena due anni fa. Prima dell’inizio delle Finals 2020, il commissioner dell’NBA Adam Silver disse che l’esiguo numero di allenatori neri nella lega sarebbe dovuto crescere. E sembra che le sue parole siano state ascoltate, vista l’attuale presenza di 17 allenatori facenti parte di una minoranza (incluso Erik Spoelstra di Miami, che è asiatico-americano).

“La cosa più impressionante, e anche la più significativa, è che ora ci sono uguali opportunità per tutti, visto che non è stato sempre così”, ha detto il coach dei Cavs, JB Bickerstaff. “I proprietari e i General Manager sono abbastanza aperti mentalmente per andare oltre le apparenze e analizzare le vere qualifiche che rendono leader, insegnanti e allenatori.”

Vaughn ha giocato in NBA per 12 stagioni, realizzando 4.5 punti e 2.5 assist di media a partita e vincendo il titolo con i San Antonio Spurs, e ora si è aggiunto alla lista di afroamericani che da giocatori hanno avuto l’opportunità di diventare allenatori. Oltre a lui e al sopra menzionato Doc Rivers, appartengono a questa categoria Tyronn Lue dei Clippers, Darvin Ham dei Lakers, Monty Williams dei Suns, Willie Green dei Pelicans, Nate McMillan degli Hawks e Chauncey Billups dei Blazers. “Jacque è un uomo straordinario, preparato e più che qualificato per guidare una squadra”, ha dichiarato coach Ham.

Vaughn ha accumulato 8 anni di esperienza come assistente allenatore, e da head coach ha condotto gli Orlando Magic in ricostruzione ad un record di 58-158 dal 2012 al 2015. Come coach ad interim dei Nets durante la stagione 2019/20, poi, l’allenatore nativo di LA ha guidato la franchigia ad un record di 7-3 e ai Playoffs. Successivamente si è ritirato dalla corsa alla panchina dei Pelicans, nel 2021, perché voleva rimanere vicino ai suoi due figli adolescenti.

“Sono felice per Jacque. Ha ripagato la fiducia sia come head coach che come assistente, ed è una grande persona che lavora sodo”, ha detto Jamahl Mosley, allenatore dei Magic. “È bello vedere un altro coach nero avere un’opportunità.”

La promozione di Vaughn è stata in qualche modo una sorpresa, dopo che i Nets hanno accantonato l’idea di assumere Ime Udoka, sospeso dai Celtics qualche tempo prima. Dopo aver sostituito Steve Nash a inizio novembre, Kevin Durant e compagni sono 5-3.

“Immagino di essere stato il candidato write-in nella testa degli elettori”, ha detto Vaughn, scherzando, la scorsa settimana. “Ma mi sta bene. Ho detto a mia moglie che potrei non essere stato la sua prima scelta, ma stiamo insieme da 20 anni… si può fare comunque.”

Adrian Wojnarowski di ESPN ha riportato che i Nets si aspettavano di ingaggiare Udoka, ma hanno scelto differentemente per due ragioni: la farraginosa controversia sull’antisemitismo che ha coinvolto Kyrie Irving, e il potenziale drama che l’assunzione di Udoka avrebbe portato con sè, dopo la sospensione da parte dei Celtics a causa di una “relazione inadeguata” con un membro dello staff.

I Celtics hanno sospeso Udoka il 22 settembre dopo un’investigazione durata un mese e condotta da uno studio legale esterno, che ha trovato molteplici violazioni della policy della squadra ma che non ha portato a un più grande problema culturale di comportamento sessualmente scorretto. Il coach di origini nigeriane è stato poi sostituito ad interim da Joe Mazzulla.

Il coach degli Houston Rockets, Stephen Silas, ha dichiarato che l’ingaggio di Vaughn dà la consapevolezza agli assistenti emergenti che la loro razza non sarà un fattore influente nella loro potenziale promozione. “È fantastico: in NBA possiamo tranquillamente dire che l’head coach è stato selezionato perché è la persona giusta per il suo ruolo nonostante la razza”, ha detto Silas. “Per quanto riguarda Jacque, la cosa che più impressiona è la sua positività. Combinata con la sua conoscenza e con la sua esperienza, è un gran bel colpo.”

L’ex allenatore Bernie Bickerstaff ha fronteggiato svariate sfide e difficoltà su questo tema dal 1973 in avanti. “Mi tolgo il cappello di fronte ai proprietari, all’NBA e ai general manager”, ha dichiarato Bickerstaff, attualmente senior basketball adviser per i Cavs. “Ma non ci sono solo 16 allenatori neri. Ci sono 16 dei migliori allenatori, punto. È fantastico. È meritato. È sempre bello vedere persone avere le opportunità che meritano.”

“Queste non sono cose scontate. Ci sono persone molto credibili nella lega che sono sempre state in trincea a fare il lavoro sporco.”

– Bernie Bickerstaff

La scorsa settimana Kevin Durant ha “presentato” Vaughn donandogli la palla della partita contro i Knicks. “Sono molto eccitato per lui. Conosco quanto impegno mette in quello che fa”, ha detto KD. “So che tiene allo sviluppo di ogni singolo giocatore e al team in toto.”

“Sono entusiasta di giocare per lui. Tutti i ragazzi hanno detto di voler essere allenati da lui. Non vedo l’ora di raccogliere i frutti di questa collaborazione.”

– Kevin Durant