FOTO: FIBA

Nikola Jokic in questi ultimi anni sta dominando la NBA, ribaltando (non da solo) uno stereotipo molto radicato oltreoceano sui giocatori europei/internazionali fino a qualche anno fa, e ancora parzialmente vivo in considerazioni come quelle recenti di Gilbert Arenas. Questa crescita della pallacanestro extra-americana, che passa anche dalle recenti fatiche statunitensi nelle competizioni internazionali, sta aprendo e aprirà ulteriormente gli orizzonti NBA, permettendo di includere sempre più giocatori d’élite in competizioni esterne, quali Euroleague, finora spesso ignorati dalla pallacanestro americana, o considerati diversamente. Anche per questo, non stupiscono le parole di Jokic sul grande amico Nikola Milutinov, connazionale serbo in forza all’Olympiacos Piraeus – attualmente fuori per infortunio. Il due volte NBA MVP ha rilasciato queste dichiarazioni, riportate da Eurhoops, dopo la gara vinta contro i Lakers, offrendo un pronostico sulle Final Four:

“Seguo un po’, direi Real Madrid e Barcellona, forse il Monaco, e poi scelgo l’Olympiacos per il mio grande amico Nikola Milutinov. Mi diverte vederlo giocare, dovrebbe essere in NBA, ma gli piace stare lì.”

“I giocatori europei hanno qualcosa da offrire che forse loro qui non hanno. Qui i giocatori sono molto più talentuosi, ma anche quelli europei possono senza dubbio essere utili in diversi modi.”


Jokic ha infine aggiunto anche un paio di commenti sull’ex compagno ai Denver Nuggets, PJ Dozier, in forza al Partizan di Belgrado e tormentato dagli infortuni al legamento crociato anteriore nel suo periodo NBA:

“Penso che il suo più grande problema siano stati gli infortuni, sarebbe ancora in squadra se non si fosse infortunato. Amavo giocare con PJ, sapeva portare palla e poteva giocare in più ruoli, dall’1 al 4. Con noi è stato un buon giocatore e mi è piaciuto essere suo compagno.”