FOTO: CBC

Questo contenuto è tratto da un articolo di Esfandiar Baraheni per Raptors Republic, tradotto in italiano da Niccolò Scquizzato per Around the Game.


È bizzarro essere i veterani di una squadra a 25 e 24 anni, come lo sono rispettivamente Shai Gilgeous-Alexander e Lu Dort degli Oklahoma City Thunder. Ma non è necessariamente una sorpresa. Sia Shai che Dort fanno parte dei Thunder dal 2019 e hanno assistito a tutte le diverse versioni di questa squadra: giovani, più giovani e più giovani ancora. Naturalmente, provenendo dal Canada, il rapporto che i due hanno sviluppato tra loro è iniziato molto prima del loro debutto a Oklahoma.


“Quando ho incontrato Lu per la prima volta, non conosceva nemmeno l’inglese”, ha detto SGA a una platea di giornalisti quando i Thunder sono arrivati in città a metà marzo per giocare contro i Toronto Raptors. “Andiamo, fratello”, rispose Dort dalle retrovie, ascoltando la mischia. I media si scambiarono una risata con loro mentre si confrontavano su storie di origine contrastanti. Alla fine, Dort ha ceduto e Shai ha continuato a descrivere i progressi che ha visto nel suo compagno di squadra canadese di lunga data: “La sua crescita dentro e fuori dal campo. È uno di quei ragazzi che è stato poco considerato per la maggior parte della sua carriera. Vederlo perseverare in questa realtà e diventare quello che è… è speciale”.

Dort sta disputando la sua stagione più efficiente. Sta mettendo a bersaglio il maggior numero di triple della sua carriera, finendo più spesso dentro il pitturato e, in generale, è diventato più bravo a scegliere le sue zone nel prolifico attacco dei Thunder. “Ha avuto una stagione di svolta, soprattutto dal punto di vista dell’identità”, ha detto l’allenatore dei Thunder Mark Daigneault a proposito della crescita di Dort quest’anno. “È sempre stato un grande agonista, un grande difensore e un attaccante impavido, cosa che non credo debba essere data per scontata. A volte i difensori devono essere pregati di giocare in attacco. E lui non è mai stato così. È sempre stato aggressivo”.

Questa aggressività ora viene cavalcata, ed il motivo è semplice, soprattutto nella mente di Dort. Quest’estate, con la squadra canadese, ha avuto un assaggio di cosa significhi giocare a basket a livello internazionale e, in vista della stagione, era disposto a fare tutto il necessario per aiutare OKC a fare lo stesso. È per questo motivo che Dort è diventato un leader silenzioso per i Thunder. Mentre OKC ha Gordon Hayward, Bismack Biyombo e Kenrich Williams come veri e propri veterani, Dort è il veterano di tutti i giorni, un’incarnazione di ciò che significa provare soddisfazione nel fare le cose non proprio appariscenti, ma necessarie per il bene della squadra.

FOTO: @okcthunder (X)

“Tutti vogliono essere la star”, dice la guardia titolare e candidato MVP Gilgeous-Alexander. “Tutti vogliono fare 100 punti. E trovare ragazzi che fanno le piccole cose, giocando il loro ruolo al 100% e sacrificando la maggior parte del loro gioco per la squadra è difficile, soprattutto a questo livello. In squadra abbiamo tanti ragazzi che lo fanno. Ed è il motivo del nostro successo. Persone come Lu non passano inosservate, soprattutto nel nostro spogliatoio, e le apprezziamo per questo”. Diventare padroni del proprio spazio, grande o piccolo che sia, è un compito arduo. Gilgeous-Alexander comprende molto bene questo concetto. Ha fatto di ogni angolo del campo da basket il suo territorio, diventando uno dei marcatori più formidabili del campionato. Non c’è bisogno di descrivere il suo curriculum perché lo conoscete già. È appena diventato l’atleta canadese dell’anno dopo una stagione da First Team All-NBA 2023 e dopo aver portato il Canada al bronzo ai Mondiali FIBA 2023, mettendo a segno colpi di pugnale contro le potenze internazionali. E ora l’attuale stagione 2023-2024, degna di un MVP, la sua migliore in assoluto, che ha spinto gli Oklahoma City Thunder da partecipanti al Play-In a veri e propri pretendenti al campionato in una sola stagione. “È stata una benedizione. Molte persone lavorano e fanno le cose giuste, ma non hanno le opportunità che ho avuto io. Quindi ti dà un senso di umiltà sapere che tutto quello che hai fatto è servito e ha dato i suoi frutti. C’è anche un pizzico di fortuna. Ma è tutto ciò che un ragazzo canadese può chiedere”, ha detto SGA a proposito della sua rapidissima crescita.

È facile vedere il collegamento tra l’ascesa del Canada nella pallacanestro a livello internazionale e l’ascesa dei Thunder nell’NBA. In fondo, alcuni degli stessi giocatori sono alla base di ogni programma. In entrambi i casi, quando ci sono il talento e l’identità, il successo è inevitabile. Ma c’è un altro aspetto parallelo che va sottolineato, soprattutto quando si parla di Dort e SGA: l’impegno. Entrambi i giocatori sono stati i primi a impegnarsi per i tre anni richiesti da Canada Basketball. Ed entrambi, anche in alcuni momenti difficili della pallacanestro dei Thunder, sono rimasti fedeli alla visione a lungo termine dell’organizzazione. Il successo ottenuto quest’estate dalla squadra canadese, che ha vinto la medaglia di bronzo e si è guadagnata un posto alle Olimpiadi, ha rafforzato la loro convinzione che lo stesso possa accadere a Oklahoma City.

“Sono estremamente orgogliosi della portata storica che ha assunto questo successo”, ha detto l’allenatore Daigneault. “Non si sono limitati a disputare le partite della FIBA, ma erano consapevoli di ciò che stavano rappresentando. E penso che l’abbiano preso molto sul serio. Lo si poteva percepire da come ne parlavano prima e dopo. Ho pensato che, per ragioni diverse, è stato grandioso per entrambi e altrettanto per noi vedere la stessa mentalità trasmettersi nel nostro campionato”. Daigneault ha poi ricordato come entrambi i giocatori abbiano imparato qualcosa dall’esperienza FIBA. Lu ha imparato a scegliere meglio i suoi spot di tiro. E Shai ha affrontato coperture difensive ancora più complete, mirate a limitare il suo scoring in un ambiente simile a quello dei playoff. “Abbiamo avuto una squadra giovane, ma abbiamo sempre avuto uno spirito audace e questo inizia con lui (Shai)”, ha detto Daigneault. “Ha imparato da ogni singola esperienza agonistica. Non ha paura di nessuna situazione. Non ha paura di nessun avversario. E questo ha un effetto contagioso per il nostro ambiente”.

In questo senso, sia Shai che Dort sono perfetti Yin e Yang come leader nello spogliatoio dei Thunder. Mentre Dort gestisce i role player, la personalità di Shai ha un effetto calmante per tutti i componenti della squadra. E ora… è arrivato il momento di dimostrarlo di nuovo. Dopo aver conquistato il 1° posto nella Western Conference, i Thunder sono chiamati ad affrontare la post-season, partita alla grande nonostante tutte le domande sull’esperienza. Si può tranquillamente affermare che la squadra si continuerà ad affidare a Dort e a SGA nei momenti di bisogno. “Vedremo come reagire alle diverse situazioni in cui ci ritroveremo”, ha detto Daigneault. “Per quanto riguarda l’esperienza, c’è solo un modo per diventarlo: passare attraverso le esperienze. E così abbiamo vissuto alcune grandi situazioni in una fase giovane della nostra squadra. Continueremo ad accumularle, avremo successo, alcuni non saranno all’altezza, e altri impareranno da entrambe le cose e cresceranno attraverso ogni singola esperienza che faremo”.

In questo senso, la Coppa del Mondo FIBA è stata una benedizione sia per Dort che per Shai, che avevano un totale di 19 partite di Playoffs all’attivo prima di quest’anno. Al posto dell’esperienza in post-season, hanno quella del “dobbiamo vincere questa partita contro la Spagna, altrimenti le nostre possibilità olimpiche svaniscono”, e questo di per sé può galvanizzare un giocatore e prepararlo per la prossima volta che si troverà di fronte a una situazione sfavorevole, cosa che probabilmente accadrà. Non si sa come il resto del roster dei Thunder reagirà alle pressioni dei Playoffs. Chi affonderà e chi rimarrà a galla? Ma se l’estate appena trascorsa è stata indicativa di come Shai e Dort li condurranno nei momenti di tensione, possiamo dire che sono in buone mani.