La leggenda degli Utah Jazz si è espressa a favore di Kyrie Irving, che proprio ieri ha ottenuto il permesso di tornare a giocare full-time.

FOTO: NBA.com

Questo contenuto è tratto da un articolo di Nico Martinez per Fadeaway World, tradotto in italiano da Alessandro Di Marzo per Around the Game.


Gli ultimi mesi di Kyrie Irving sono stati più che mai travagliati. In seguito alla decisione di non vaccinarsi contro il Covid-19, infatti, non ha potuto giocare con i suoi Brooklyn Nets, dapprima perché fuori squadra e poi soltanto nelle gare al Barclays Center

La sua personale decisione ha scatenato un’ondata di migliaia, milioni di critiche da parte di tifosi e media del mondo NBA; Kyrie, però, non ha smesso di combattere la sua battaglia, anche grazie al supporto ricevuto da alcuni membri della comunità NBA (e non solo). Una di queste è un’altra grandissima point guard: John Stockton.

“Ho provato a parlarci, ma è stato complicato. In ogni caso, spero che abbia ricevuto il mio messaggio. Atleti come Kyrie e Aaron Rodgers si sono presi rischi davvero grandi, portando avanti queste decisioni e queste campagne, con la concreta possibilità che la loro immagine e carriera venissero fortemente danneggiate.”

– John Stockton

La prima presa di posizione pubblica di Stockton a favore del campione NBA 2016 risale allo scorso dicembre, quando intervenne così nel podcast di Chad Fisher e Tony Farmer “DNP – CD Sports”:

“Non sei solo: hai molte persone al tuo fianco, Kyrie. Non tutti possono arrivare a te, e viceversa, ma stai certo che in molti tifano per te. Sono fiero di lui per il rischio che si è consapevolmente preso e per il coraggio che ha avuto nel portare avanti le sue idee. Ha molto da perdere, ma non si è tirato indietro: onore a lui.”

– John Stockton

Ora, dopo la notizia del suo rientro a tempo pieno, Irving ha ottenuto la sua vittoria personale. E ora, con lui a disposizione in tutte le partite (eccezion fatta per Toronto), le prospettive di Brooklyn per i Playoffs sono completamente diverse.