Passano gli anni, e le storie inedite su Michael Jordan continuano senza fine a moltiplicarsi (a proposito, qui potreste sentirne qualcuna che ancora non conoscete).

Durante un intervento su TNT, questa volta è stato Charles Barkley a raccontare un aneddoto di un giorno in cui, prima di una partita di Team USA contro Porto Rico, MJ non voleva smettere di giocare a golf. Salvo poi presentarsi in campo, “prenderla sul personale” con la point guard avversaria e… “difendere come se fosse Gara 7, dopo 36 buche a golf”.

Le parole di Barkley:


Io, Michael, Chuck Daly e David Robinson andiamo a giocare a golf. Giocavamo contro Porto Rico quel pomeriggio.
Chuck dice: “ei, ragazzi, abbiamo fatto 18 buche, ora andiamo.”
E Michael: “io ne voglio fare altre 18.”
Chuck: “ma abbiamo una partita oggi…”
Michael: “starò bene.”

Arriviamo alla partita.
“David, tu marchi questo giocatore.”
“Charles, tu marchi questo giocatore.”
“Michael, tu marchi questo gioc…” – “No, io prendo la point guard. Ha detto delle cazzate su di me ai giornali…”

Noi ci siamo guardati preoccupati. “Uh oh, questo ragazzo è nei guai…”

Pazzesco come quel giorno abbia giocato 36 buche a golf, poi è sceso in campo e ha difeso su quel ragazzo come se fosse una Gara 7. E continuava a ripetergli: “‘”Non dire mai più il mio dannato nome!”