James Harden è andato, Joel Embiid ha la pazienza limitata: le prospettive di mercato dei Philadelphia 76ers

In casa Philadelphia 76ers si è appena chiusa una telenovela di mercato che si trascinava ormai da tanto, troppo tempo. James Harden è partito, e con lui tutte le distrazioni che una situazione di quel tipo poteva portare ad una squadra che ha comunque iniziato la stagione con il piede giusto.

Pensando però alla cosiddetta “big picture”, è impossibile ignorare il fatto che, attualmente, il roster dei Sixers non sia attrezzato per puntare al titolo, anche al netto della crescita di Tyrese Maxey.


E’ insomma evidente che sarà presto necessario un movimento importante sul mercato, per portare quel pezzo mancante che possa nuovamente proiettare Philadelphia tra le primissime della classe. Il rischio, altrimenti, è che Joel Embiid si stufi del giocattolo e chieda la trade. Ma chi sono i possibili candidati?

Secondo quando riportato da Michael Scotto di Hoopshype, il nome in cima al taccuino di Daryl Morey sarebbe quello di Zach LaVine; è vero, il contratto è di quelli parecchio pesanti, ma il talento è innegabile e le caratteristiche sono perfettamente compatibili a quelle di Embiid e Maxey. I Chicago Bulls sembrano una bomba ad orologeria, e i Sixers sono pronti a presentarsi alla finestra.

Sempre parlando di stelle, da monitorare anche la situazione di Donovan Mitchell, che potrebbe diventare free agent già nell’estate 2025: i Cleveland Cavaliers lo sanno, e potrebbero cedere di fronte ad un’offerta allettante.

Se invece il front office dovesse decidere di virare su un profilo meno appariscente, il candidato numero uno sarebbe verosimilmente OG Anunoby, role player perfetto per qualsiasi contendente al titolo o aspirante tale.

In tutto questo caos di rumors, possiamo essere certi di una sola cosa: Morey dovrà presto mettere tutte le carte a disposizione sul tavolo e rischiare per soddisfare Embiid, oppure sarà presto ricostruzione.