FOTO: NBA.com

Questo contenuto è tratto da un articolo di Dr Rajpal Brar per 3CB Performance, tradotto in italiano da Marco Marchese per Around the Game.



I Los Angeles Lakers hanno mancato la partecipazione ai Playoffs, giocando la loro ultima partita lo scorso aprile. Anthony Davis, All-Star e lungo dei giallo-viola, ha recentemente dichiarato alla stampa di non essersi allenato con il pallone “praticamente per 2 mesi”, facendo alzare alcune sopracciglia dallo stupore.

In effetti, sentir dire che un giocatore del livello di AD non si alleni neanche al tiro per quasi 2 mesi sembra un’assurdità, se non addirittura impossibile.  Bisogna innanzitutto dire, però, che ogni atleta, alla fine di una competizione tanto lunga e dispendiosa di energie fisiche e mentali come la Regular Season, ha bisogno di almeno 2/3 settimane di vacanza per resettare corpo e mente (viene chiamato infatti periodo di “decompressione fisica e mentale”). Questo primo approccio alla stagione estiva, necessario per superare le fatiche della stagione passata, viene seguito da 3/4 settimane in cui gli atleti si allenano principalmente in palestra per aumentare la propria forza, resistenza e tono muscolare. 

Facendo un rapido calcolo, si nota quindi che quasi ogni cestista rispetta un periodo di almeno 7 settimane prima di riprendere la palla in mano. Nel particolare caso di Davis, abbiamo già visto in altre occasioni, in passato, che addirittura abbia impiegato anche 10 settimane prima di cominciare ad allenarsi sul parquet; e quindi, attualmente si troverebbe addirittura in anticipo rispetto al suo tradizionale ruolino di marcia.

Il fatto che i Lakers siano stati eliminati anzitempo, non qualificandosi ai Playoffs, rende il tutto ancora più normale: visti i tanti problemi fisici patiti da AD durante la stagione conclusa, è del tutto normale e fisiologico lasciare che il suo corpo si prenda un periodo di sano relax, affinché possa ristabilirsi al 100% dalle scorie residue. 

Ultimo aspetto da non sottovalutare: nel corso della Regular Season, Davis ha aumentato a vista d’occhio la sua massa muscolare, modificando di conseguenza le sue movenze in campo; dopo l’infortunio al legamento collaterale mediale ed il conseguente stop, però, ha perso i chili guadagnati in palestra, risultando ad occhio nudo molto più magro. Attualmente non ha ancora recuperato quello stato di forma fisica, il che è molto più importante rispetto ad aver fatto qualche settimana senza allenarsi con la palla.

Insomma, AD si è preso un periodo di riposo, nel momento più opportuno della stagione per concederselo.