Sul veterano dei Rockets si registra l’interesse di diverse franchigie, ma la possibilità di una sua permanenza a Houston appare sempre più plausibile.

FOTO: NBA.com

Eric Gordon è da giorni al centro di vari rumors di mercato che lo vedono separarsi dai suoi Houston Rockets. La franchigia texana, infatti, è all’inizio di un percorso di rebuilding e non sembra ormai sensato continuare ad avere a roster un veterano di 33 anni alla ricerca di un’ultima chance per vincere l’anello.

Nonostante l’interesse di diverse franchigie – su tutte i Cleveland Cavaliers – e la “logicità” di un eventuale scambio (visto anche il suo contratto che prevede la prossima stagione a 19 milioni, e 21 non garantiti per quella successiva), diversi insider riportano in questi giorni di come il rapporto di lungo corso tra il giocatore e la franchigia texana potrebbe continuare – perché in estate sarebbe forse cedibile a condizioni migliori, ma anche per motivazioni di leadership all’interno dello spogliatoio e per il legame con lo staff creato negli anni.

Sulla questione si sono espressi, tra gli altri, Kelly Iko (The Athletic) e Jonathan Feigen (Houston Chronicle):

“I Rockets hanno ricevuto diverse offerte per il loro veterano, ma sono state tutte rifiutate. Al di là di un’offerta irrinunciabile, sembra sempre più probabile che Gordon resti a Houston anche dopo la trade deadline.”

– Kelly Iko

“A 33 anni, Gordon sembra essere in un’altra timeline rispetto a una giovane squadra in rebuilding. Per ora, tuttavia, gli approcci delle altre franchigie sono stati solamente esplorativi. Le offerte potrebbero arrivare in seguito, e i Rockets devono capire quale sia la loro posizione nei confronti di eventuali proposte, paragonando le offerte attuali a quello che potrebbero ottenere in estate.”

– Jonathan Feigen

Forse, invece, la posizione dei Rockets è semplicemente un tentativo di indurre le franchigie interessate ad alzare le loro offerte negli ultimi giorni di mercato: un giocatore con le caratteristiche e l’esperienza di Gordon, infatti, potrebbe fare comodo a molte squadre da Playoffs. Lo scopriremo nella prossima settimana.