FOTO: NBA.com

Tra i tanti rumors emersi nel corso dell’ultima free agency, molti si sono rivelati infondati. Un’eccezione, ad ogni modo, è quello che riguardava il possibile arrivo di DeMar DeRozan ai Los Angeles Lakers.

Il tutto era ovviamente ipotizzato prima dell’arrivo di Russell Westbrook da Washington. La modalità sarebbe stata una sign&trade, e con ogni probabilità qualcuno – o forse la totalità – dei giocatori finiti poi nella capitale in cambio dell’MVP 2017 sarebbe stato coinvolto anche qui.

Prima della gara disputata tra lunedì e martedì tra Lakers e Bulls, vinta da questi ultimi per 103-121, lo stesso DeRozan ha parlato della questione:

“Pensavo che l’affare che mi avrebbe portato a L.A. fosse concluso. Stavo per tornare a casa, poi qualcosa non ha funzionato. È parte di questo business, parte del Gioco. La mia altra opzione era Chicago, che è poi andata in porto.”

L’ex Spurs e Raptors ha poi parlato dei sentimenti provati nel tornare a casa, tanto forti da spingerlo a segnare 35 e 38 punti nelle due vittorie allo Staples:

“La motivazione non manca mai. Qui a Los Angeles gioco di fronte a famiglia e amici, contro la squadra che mi ha accompagnato durante la mia crescita. Trovo sempre la motivazione, ma di certo qui a casa mia ne ho molta di più.”