L’australiano continua a rimanere fuori dai Philadephia 76ers, ma potrebbe chiedere il reintegro per evitare ulteriori multe. Intanto, la nuova Sacramento di coach Gentry pone le condizioni per un’eventuale trade.

Giunti a circa un quarto della stagione NBA, la querelle Ben SimmonsPhiladelphia 76ers continua a tenere banco in Pennsylvania. La volontà di SImmons, come noto, continua ad essere quella di trasferirsi in una franchigia californiana, ma anche l’ultima delle possibili candidate sembra ora allontanarsi dal nativo di Melbourne.

Secondo quanto riportato dall’insider Jake Fischer di Bleacher Report, infatti, i Sacramento Kings avrebbero posto un veto sulla cessione di De’Aaron Fox, asset imprescindibile per Daryl Morey in qualunque scenario di trade per Ben.

“Nonostante i molti colloqui avuti in Preseason e la difficile partenza dei Kings, non ci sono ad oggi discussioni significative tra le due franchigie. Fox e Haliburton rimangono imprescindibili per Sacramento, e Tyrese Maxey rappresenta oggi un’alternativa più che valida a Simmons nel ruolo di point guard titolare a Philadelphia.”

I Kings appaiono perciò intenzionati a rinunciare alla possibilità di acquisire l’australiano via trade, per costruire il proprio futuro intorno alle due giovani guardie, nonostante le difficoltà di inizio stagione di Fox.

Allo stesso tempo, Morey sembra proseguire sulla linea tracciata a partire dalla scorsa offseason: cedere alle richieste di trade per Simmons solo nel caso in cui queste portino un effettivo beneficio alla franchigia. E a rafforzare la posizione dell’ex-plenipotenziario dei Rockets potrebbe essere lo stesso prodotto dell’Università di LSU.

Secondo quanto riportato da Howard Elskin ad una nota radio sportiva di Philadelphia, infatti, Ben Simmons sarebbe in un’ingente situazione debitoria, e non potrebbe più permettersi di venire sistematicamente multato dalla società:

“Una fonte molto affidabile mi ha detto che Simmons è in una brutta situazione economica. Sta perdendo un sacco di soldi, parliamo di uno con una casa da 17 milioni di dollari, una marea di tasse da pagare. Si compra una macchina nuova al mese, macchine da 400-500mila dollari. Potrebbe essere costretto a tornare per fare qualche soldo.”

La questione, quindi, continua ad infittirsi ogni giorno di più, con la linea attendista di Morey che potrebbe aver funzionato, visto il poco tempo a disposizione di Simmons. Le prossime puntate della telenovela non appaiono lontane.