Il Gallo è in partenza da Atlanta? E quali potrebbero essere gli scenari possibili?

FOTO: NBA.com

Poco più di un anno fa, durante la Free Agency che precedeva la stagione 2020/21, Danilo Gallinari aveva molti occhi puntati su di sé. La sensazione comune prevedeva una sua firma con qualche contender per una lotta al titolo che in carriera gli mancava ancora; invece, un po’ a sorpresa, Danilo firmò un triennale da 61 milioni di dollari con i giovani Atlanta Hawks, sposando un progetto che lo avrebbe poi portato a giocare le Eastern Conference Finals.

Oggi però, a pochi giorni dalla trade deadline, il Gallo sembra doversi tenere pronto a fare di nuovo le valigie, perché alcune voci di mercato lo darebbero in partenza.

I motivi per cui gli Hawks potrebbero decidere di privarsene sono abbastanza chiari: nonostante le prestazioni sul campo non siano calate vertiginosamente, grazie alla solita affidabilità al tiro e alla sua esperienza, l’età è ormai prossima ai 34 anni e Danilo ha il secondo contratto più oneroso della sua squadra. Inoltre, a causa dell’ormai molto limitata mobilità laterale, l’italiano potrebbe essere difficilmente sostenibile nella metà campo difensiva ai Playoffs.

Dove potrebbe finire

Per gli stessi motivi menzionati sopra, è complicato che gli Hawks ricevano offerte dalle contendenti al titolo e dalle altre squadre con ambizioni, ma escluse queste le possibili destinazioni sono parecchie. Gallinari infatti ha un contratto molto pesante (20.4 milioni di dollari sul libro paga per la stagione corrente) e questo lo mette fuori dai radar di molte squadre, ma potenzialmente ricercato da altre.

Le possibili destinazioni per il Gallo sono le franchigie nel pieno di un processo di rebuilding, che hanno la necessità di appesantire un po’ il payroll per riempire il cap, e potrebbero rendersi disponibili ad assorbire il suo contrattone in cambio di qualche asset. Il contratto di Danilo, tra l’altro, è molto comodo in questo senso, perché è parzialmente garantito per la prossima stagione (solo 5 milioni di dollari sui 21.5 complessivi).

Non è escluso, dunque, che Gallinari possa trovarsi coinvolto in trade a due, tre o quattro squadre, e vada a finire in squadre fuori dalla zona Playoffs come Orlando Magic, Detroit Pistons, Oklahoma City Thunder e le altre in quel range di classifica. In particolare i Thunder, squadra in cui Gallinari ha già giocato nella stagione 2019/20, non sarebbero nuovi a operazioni del genere, avendone già intavolate per acquisire, ad esempio, Al Horford e Kemba Walker. Non è certo lo scenario più esaltante possibile per il giocatore, ma, come è noto, sono le franchigie ad avere il coltello dalla parte del manico in queste situazioni.

Un altro scenario, un po’ più allettante per Danilo, vedrebbe uno scambio con i Toronto Raptors, il cui interesse è stato recentemente oggetto di rumors di mercato (QUI i dettagli).

I canadesi devono ancora risolvere la situazione Goran Dragic, che sarebbe probabilmente l’altro nome coinvolto nella trade, e a coach Nick Nurse potrebbe essere molto comoda la dimensione da tiratore di Gallinari, così come la possibilità di allungare una rotazione al momento ridotta all’osso. Considerata la momentanea settima posizione a Est e il contesto competitivo, il Canada sarebbe probabilmente la destinazione preferita del Gallo, nonché la più adatta.