Thaddeus Young, veterano dei San Antonio Spurs è finito ai margini delle rotazioni e in vista della trade deadline la sua situazione fa gola a molte contender.

FOTO: basketballnews.com

Appena 14.1 minuti di media a partita: di gran lunga la cifra più bassa in carriera per il veterano alla sua 15esima stagione tra i pro. Thaddeus Young è finito in un contesto che decisamente non fa per lui. I San Antonio Spurs di Gregg Popovich sono infatti in pieno rebuilding e chiaramente l’obiettivo principale della loro stagione è sviluppare le giovani leve, a discapito dei pochi veterani presenti a roster.

L’ex Bulls è finito questa estate all’ombra dell’Alamo, dove è il giocatore più “anziano a roster, all’interno della sign&trade che ha portato invece DeMar DeRozan a Chicago. Già all’epoca si prospettava l’interessamento di molte contender, che fiutavano l’occasione di strappare un affidabile veterano ad un buon vantaggioso.

Quattro mesi dopo la situazione non si è ancora sbloccata, ma con l’avvicinarsi della trade deadline i discorsi tra gli Spurs e le pretendenti si faranno sempre più fitti.

Il giocatore, pur mantenendo sempre un livello di professionalità ammirevole, come sottolineato recentemente da Gregg Popovich, ha espressamente fatto capire di voler cambiare aria e che, vista la sua età, vorrebbe farlo possibilmente per andare in una squadra che possa competere per il titolo. Cosa che nell’arco della sua pluriennale carriera non ha mai potuto fare.

Non sono mai stato in un contesto che mi permettesse di contendere per l’anello. Voglio provare quella sensazione.

Ora, a 33 anni compiuti, potrebbe arrivare finalmente questa possibilità. Il contratto in scadenza la prossima estate, la sua esperienza quindicennale nella lega e il suo profilo di giocatore solido su entrambi i lati del campo lo rendono uno degli obiettivi in cima alle liste di molte squadre da titolo.

Fra le possibili candidate, una di quelle maggiormente interessate e che secondo i rumors avrebbe già tentato un approccio con gli Spurs mesi fa sarebbero i Phoenix Suns. Secondo Jake Fischer (Bleacher Report), un affare tra le due franchigie potrebbe prevedere il passaggio di Jalen Smith a San Antonio, power forward al secondo anno (pick n.10 al Draft 2020) la cui timeline si potrebbe sposare meglio con quella degli Spurs.

Altri rumors di mercato invece segnalano un interessamento dei Chicago Bulls, che vorrebbero riportarlo nella Windy City dopo neanche cinque mesi dalla sua partenza, con la speranza di riabbracciare il loro miglior giocatore in uscita dalla panchina delle ultime due stagioni.

Di concreto al momento non c’è ancora nulla, ma è sicuro che Thaddeus Young sarà uno dei nomi caldi del trade market da qui a febbario.