Post-Game 5, Milwaukee Bucks

Il pivotal game va ai Milwaukee Bucks.

In una partita selvaggia e piena di ribaltamenti, a spuntarla sono gli ospiti. Ora, sul 3-2, Giannis Antetokounmpo e compagni sono davvero a un passo dal titolo.

I Big Three hanno scelto la miglior partita per dare il loro meglio nella metà campo offensiva, e stanotte hanno combinato per 88 punti e 24 assist.

Ecco le parole dei protagonisti nella conferenza post-game.

COACH BUDENHOLZER

Sulla sequenza finale, la palla rubata da Holiday e il lob per Giannis con meno di 24 secondi mancanti sul cronometro:

E’ stata una grande giocata, una giocata istintiva. Jrue è un difensore incredibile, ha mani veloci e forti e l’ha fatto vedere. Poi, solitamente ti fermi e sfrutti il cronometro, ma Jrue e Giannis erano in due contro uno, e hanno ottenuto il canestro e il fallo. Penso che sia giusto aver fiducia nei loro istinti. Stanno giocando, stanno competendo, è quello di cui abbiamo bisogno.

Sulla forza mentale di Giannis, la sua abilità di stare nel momento e rimanere aggressivo con la folla che grida contro di lui quando è in lunetta:

E’ competitivo. E’ disposto a fare qualsiasi cosa per vincere, non si preoccupa del rumore intorno a sé, è troppo concentrato sulla vittoria e sul fare giocate per i compagni. Ha lavorato moltissimo su tutto ciò, su tutta la parte mentale.

Sull’essere a una gara dal titolo:

Torneremo a casa e giocheremo davanti ai nostri tifosi, e il loro supporto è davvero importante per noi. Manterremo le nostre routine, ci prepareremo. A questo punto, come si è visto stasera, c’è un livello altissimo di pallacanestro da parte di entrambe le squadre, e sarà lo stesso in Gara 6. Dobbiamo competere, difendere bene e giocare insieme. Sappiamo che è una grande opportunità, e siamo eccitati.

CONNAUGHTON & MIDDLETON

Connaughton sulle abilità di Jrue Holiday in difesa:

L’avevo già visto quando ero a Portland e lui a New Orleans, e ci hanno eliminati al primo turno con uno sweep. Il modo in cui difende è incredibile. E’ veloce, è fisico, è forte. E oggi ha fatto la giocata difensiva dell’anno. Ha visto il cronometro e il risultato, ha visto Booker prepararsi per lo spin, ed è stato velocissimo a trovare la palla. Giocata istintiva e fenomenale.

Middleton su Holiday nell’altra metà campo, in cui oggi ha siglato 27 punti:

E’ stato grande. Una delle cose di cui parliamo sempre nello spogliatoio è la sua aggressività in attacco. Quando Jrue è aggressivo, è una delle guardie più difficili da marcare, con la sua taglia, il suo atletismo e il suo skillset. Può fare tantissime cose sul campo quando è aggressivo, va al ferro, tira come oggi e trova i compagni. E’ un giocatore bilanciato, e ha moltissime abilià. Siamo fortunati ad averlo.

Connaughton sul mantra “Bucks in 6” dei tifosi di Milwaukee:

Non ci importa in quanto, l’importante è che a vincere siano i Bucks. Dobbiamo solo andare là fuori ogni singola notte e provare a vincere, provare a rappresentare la città nel migliore dei modi. Dobbiamo farlo di nuovo, il lavoro non è finito. Abbiamo vinto oggi, abbiamo mostrato il nostro modo di lottare contro le avversità. Ma ne dobbiamo vincere un’altra.

HOLIDAY

Sulla giocata finale:

Onestamente è stata una grande difesa di squadra. Penso che tutti sapessimo che Booker voleva prendersi l’ultimo tiro, i miei compagni hanno difeso benissimo su di lui e l’hanno costretto a girarsi, e a quel punto era verso di me. Penso che fossi solamente nel posto giusto al momento giusto.

Quando sono arrivato dall’altra parte, stavo per fermarmi per prendere il fallo; poi ho visto Giannis libero che chiedeva la palla, e a quel punto ho pensato solo a dargliela nel miglior modo possibile, dove solo lui potesse prenderla.

Su cosa gli dice suo padre:

Mio padre pensa che io sia il miglior giocatore del mondo. Quindi vuole che io prenda tantissimi tiri. Pensa che io possa fare tutto, che possa giocare 48 minuti, che non mi serva riposo. Mi vuole aggressivo per tutta la partita.

– giornalista: “è un buon padre”

Yeah.

Sulla difficoltà di vincere un close-out game:

Dobbiamo solo rimanere concentrati. Dopo la seconda partita sentivamo di poter migliorare gradualmente sempre di più nel corso della serie. Siamo venuti a Phoenix, un posto davvero difficile per giocare, con un pubblico molto rumoroso, e abbiamo vinto. E ora dobbiamo restare ancora concentrati, not get too high, not get too low.

ANTETOKOUNMPO

Su Thanasis, costretto a stare fuori dal protocollo-Covid:

E’ stato estremamente difficile, perché so quanto ci tenesse a essere qua con noi per aiutare la squadra e portare il suo supporto e la sua energia, quella che trasmette sempre a tutti. Dispiace a tutti che non sia qui, e a me ancora di più, ma dobbiamo continuare a fare il nostro lavoro.

So che ci supporta da lontano. Giusto perché lo conosco abbastanza bene, probabilmente ha passato la partita urlando davanti alla tv, e lo immagino durante l’ultimo possesso togliersi la maglietta e cominciare a difendere insieme a noi, sudando e saltando sul letto. Una volta finita la partita ci siamo videochiamati, e ho potuto vedere quanto fosse felice per la vittoria.

Sulla giocata di Jrue Holiday:

Big-time. Big-time. Big-time steal. Noi abbiamo fermato Booker, l’abbiamo intrappolato e lui è stato velocissimo e rubare la palla. A quel punto poteva semplicemente completare la giocata e aspettare il fallo, ma si è fidato di me e ha fatto un passaggio perfetto. E’ stata una giocata straordinario, la giocata vincente. E’ di questo che abbiamo bisogno da Jrue, sono queste cose che lo rendono un giocatore d’élite.

Dopo la partita l’ho ringraziato per essersi fidato di me. Se avesse sbagliato il passaggio tutta la colpa sarebbe stata su di lui. Come ha detto il coach, in quella situazione di solito si tiene il pallone, ma lui si è fidato di me.

Sulla possibilità di vincere il titolo in casa:

Significa moltissimo per noi. Ma non posso guardare troppo in avanti, devo stare nel presente.

Ovviamente sappiamo qual è la situazione. Siamo a una sola vittoria dall’essere campioni NBA, essere nella storia del gioco, e rimanerci perché poi nessuno può toglierti da lì. E possiamo farlo davanti ai nostri tifosi e le nostre famiglie. E’ una grande opportunità.

Ma tutto questo può aspettare. Dobbiamo rimanere concentrati e continuare a giocare una buona pallacanestro. Ora dobbiamo riposarci, io ora devo mangiare perché ho fame, e poi guardare i film per vedere come migliorare ancora. Se facciamo tutto bene e siamo disciplinati, e quando comincia la partita giochiamo bene e sfruttiamo l’energia del pubblico, allora avremo l’opportunità di vincere il titolo. E sarebbe incredibile farlo davanti ai nostri tifosi. Ma ci sono ancora degli step da fare.