Lonnie Walker IV ha deciso Gara 4 delle semifinali di Western Conference fra Golden State Warriors e Los Angeles Lakers. Sì, è tutto incredibilmente vero. Arrivato in estate al prezzo della taxpayer MLE ($6.5M), è stato degradato progressivamente nelle rotazioni, specialmente dopo la trade deadline, giocando in tutto 15 minuti contro i Grizzlies al primo turno, tutti di garbage time.

Contro i Warriors è stato scongelato nel quarto periodo di Gara 2, anche lì a partita finita, fino al miracolo: buoni minuti in Gara 3, dove fa vedere di essere un buon screen navigatore e di poter far valere il proprio atletismo su entrambe le metà campo, chiudendo con 4 su 6 dal campo, 2 su 4 da tre, 2 rubate e 1 stoppata in meno di 25 minuti.


Tutto questo, per arrivare all’incredibile quarto periodo di Gara 4:

Una prestazione superba, culminata con l’abbraccio di LeBron James e Anthony Davis, e ovviamente l’amore di tutti nelle interviste post-gara:

“Non riguarda solo stasera, gli ho detto di stare pronto, che avremmo avuto bisogno di lui prima o poi. Non avremmo vinto questa partita senza Lonnie Walker, questo è certo.”

– LeBron James

A LeBron si è aggiunta l’altra stella della squadra, Anthony Davis, che ha rivelato:

“L’ultima volta mi ha detto che da piccolo sognasse questi momenti. Lonnie ha vinto questa partita stasera.”

E non potevano mancare ovviamente le parole di apprezzamento da parte di coach Darvin Ham:

“E’ un bravissimo ragazzo. E’ rimasto un soldato, professionale, positivo. Quando la tua testa e il tuo cuore stanno bene, il corpo li segue.”

Lonnie Walker IV, come dice Davis, sembra davvero vivere una favola, e lo ha raccontato lui stesso. In un articolo di The Athletic a cura di Law Murray, l’eroe di Gara 4 aveva dichiarato, emozionato:

“[Avere minuti ai Playoffs] E’ come un sogno. Ad essere onesti, non sono andato a dormire fino alle 4 o 5 del mattino dopo Gara 3, non ci riuscivo. La mia ragazza era un po’ infastidita, ma io ero davvero felice. Ci ho pensato per così tanto tempo. E per essere successo come è successo, con una nostra vittoria, non posso ringraziare nessuno se non Dio per avermi fatto restare preparato.”

Con i Lakers sul 3 a 1, adesso si fa dura per i Warriors recuperare, e i favori del pronostico sono tutti dalla parte di LA. Soprattutto se Lonnie Walker è questo.