La situazione salariale della franchigia dell’Oregon richiederà probabilmente qualche movimento di mercato. A lasciare Rip City potrebbe essere Robert Covington.

FOTO: NBA.com

La stagione dei Portland Trail Blazers sembra essere un continuo susseguirsi di problemi. In aggiunta alle difficoltà sul campo e allo scandalo relativo a Neil Olshey, infatti, il front office entro la trade deadline dovrà risolvere diversi grattacapi a livello salariale.

La franchigia al momento presenta un cap leggermente superiore (3 milioni) alla soglia della luxury tax. E come prevedibile dato il record negativo della squadra (13-22, dodicesimi a Ovest), il GM ad interim Joe Cronin sembra intenzionato a scendere sotto la soglia, per non gravare inutilmente sui costi dell’organizzazione.

Tra i giocatori a roster, il primo indiziato a partire per liberare spazio sembra essere – per ragioni salariali – Robert Covington, alla seconda stagione in Oregon. L’ala da Tennessee State ha infatti un contratto in essere del valore di 13 milioni di dollari per la stagione in corso, al termine della quale sarà free agent. Una sua cessione permetterebbe a Portland di scendere sotto la soglia della tassa di lusso.

The Athletic, nella firma del noto insider John Hollinger, ha ipotizzato due possibili scenari di trade riguardanti RoCo. Nel primo, l’ala verrebbe ceduta ai Clippers in cambio di Serge Ibaka (che guadagna 9.7 milioni, esattamente la cifra-limite per non pagare la luxury tax) e una scelta al secondo giro del 2025; nel secondo scenario, invece, passerebbe ai Knicks insieme a Cody Zeller, in cambio di Taj Gibson e Kevin Knox.

Oltre a queste due opzioni, John Hollinger ha parlato anche di un eventuale scambio con i Suns, che potrebbero includere nel proprio pacchetto Dario Saric, in recupero dal brutto infortunio (rottura del legamento crociato) occorso negli scorsi Playoffs.

Clippers, Knicks e Suns, in ogni caso, non sarebbero le uniche squadre interessate a Covington, nel momento in cui i Blazers si dovessero dimostrare determinati a cederlo per aggiustare i propri conti. RoCo è un profilo intrigante praticamente per ogni squadra da Playoffs, e il suo contratto lo rende un target decisamente accessibile.

Altre franchigie che sono state accostate a Convington nell’ultimo mese sono i Bulls, gli Hawks, i Nets e i Bucks, ma è un elenco che tenderà ad allungarsi ulteriormente nel prossimo mese.

Quel che sappiamo, per ora, è che ogni sconfitta di Damian Lillard e compagni nelle prossime settimane potrebbe avvicinare Joe Cronin a una trade per alleggerire i libri paga dei Blazers.