Dopo il report di Shams Charania su The Athletic, il caso James Harden ha monopolizzato e monopolizzerà i rumors di questi giorni di avvicinamento alla trade deadline (giovedì sera, ore 21 italiane).

Non è una novità che Harden, alla luce dell’infinita serie di criticità degli ultimi mesi che hanno minato le certezze (e la stagione) dei Brooklyn Nets, abbia sviluppato una crescente frustrazione per la situazione interna all’organizzazione. Oltre al caso-Irving (non vaccinato e dunque disponibile part-time) e a come la dirigenza ha gestito la sua situazione, l’insoddisfazione dell’ex Houston deriverebbe anche da una divergenza di vedute con lo staff tecnico.

Un’insoddisfazione che sembra essere reciproca: anche Steve Nash e assistenti, infatti, avrebbero sviluppato e manifestato una certa insofferenza verso alcune abitudini in campo di Harden (in primis, l’imporre alla squadra un ritmo basso nei minuti con lui in regia, in cui troppi possessi passano – lentamente – dalle sue mani), e verso la sua riluttanza a cambiare tali aspetti.

Fino a pochi giorni fa, sembrava una certezza – come avevamo approfondito qui – il fatto che The Beard avrebbe terminato la corrente stagione in maglia Nets, per poi prendere una decisione al termine dei Playoffs (quando il suo contratto prevede una player option da 47.5 milioni di dollari circa per l’anno prossimo). Dopo il report di Shams Charania di venerdì scorso, però, si sono aperti clamorosi scenari di mercato, che vedrebbero coinvolti – ovviamente – i Philadelphia 76ers e Ben Simmons.

Kyrie Irving ha parlato ieri della situazione, raccontando ai media di aver avuto direttamente da Harden delle conferme in merito al suo commitment (a breve termine, perlomeno) con l’organizzazione; ma le sue parole, a dire il vero, non suonano esattamente come una definitiva rassicurazione sulla permanenza del Barba a New York City:

Secondo Jake Fischer (Bleacher Report) una trade nei prossimi giorni rimane uno scenario improbabile.

“Né i 76ers né altre squadre hanno parlato con il front office dei Nets negli ultimi giorni, come confermato da fonti vicine alla situazione. Per il momento nessuna trattativa, nessuna offerta e nessuna chiacchierata in merito.

(…) Fonti interne alla lega riferiscono che i Nets non hanno manifestato alcuna volontà di cedere Harden alla trade deadline. L’organizzazione è convinta delle proprie ottime chances di titolo, con il roster al completo. E per diversi membri dei Nets, Harden non ha espresso alcun desiderio di giocare altrove, nonostante i rumors sulla sua intenzione di testare la free agency l’estate prossima.”

– Jake Fischer (B/R)

A conferma di quanto riportato da Jake Fischer, ESPN nelle ultime ore ha diffuso una conversazione diretta che sarebbe avvenuta tra Daryl Morey (76ers) e Sean Marks (Nets) lo scorso 11 gennaio. Che sarebbe andata così:

Morey: Cosa mi dici di una trade per James?

Marks: James chi?
(nel roster di Brooklyn ci sono sia James Harden sia James Johnson, ndr)

Morey: James Harden.

Marks: No.

Rumors contrastanti, insomma, sulla possibile “blockbuster trade” dell’anno. Si attendono aggiornamenti nelle prossime ore.