Dopo una nottata ad aspettare, Woj ha rilasciato l’ufficialità delle supermax extension tanto attese. Tra queste, anche quella di Karl-Anthony Towns, dopo che l’elezione a membro dell’All-NBA Third Team aveva reso la superstar dei Minnesota Timberwolves eleggibile per un contratto del genere.

Per KAT, estensione da $224 milioni in 4 anni – con player option all’ultimo anno – che, sommata allo stipendio previsto nel 2022/23, frutterà al giocatore ben $295 milioni in 5 anni.

Il contratto di Towns sarà praticamente identico a quello di Devin Booker, il quale – esattamente come Bradley Beal, Nikola Jokic e Ja Morant – ha a sua volta ricevuto la tanto attesa supermax extension.

Il nuovo GM dei Minnesota Timberwolves, Tim Connelly, aveva già sottolineato nei giorni scorsi la speranza di poter trasformare il lungo in un vero e proprio uomo franchigia, anche a livello storico, con la speranza di poter raccogliere annate vincenti a Minnesota e poterne ritirare la maglia. Uno scenario che adesso si fa ancora più plausibile, dato che a fine contratto potrebbero essere 14 gli anni di Towns con i Timberwolves, striscia consecutiva più lunga di sempre.

Il giocatore, oltre all’All-NBA Third Team, ha raggiunto dei traguardi importanti (anche a livello personale) in questa stagione, come la vittoria nella gara del tiro da tre punti all’All-Star Game o il ritorno ai Playoffs della squadra – motivazioni importanti dopo aver perso la madre e altri famigliari a causa del COVID-19.

La distribuzione del suo nuovo contratto, come detto, sarà identica a quella valida per Devin Booker, con entrambi che non potranno essere scambiati per un anno a partire da ora.