Giusto qualche ora fa avevamo parlato QUI dell’interesse di numerose squadre per CJ McCollum, fra le quali figuravano proprio i New Orleans Pelicans in pole position.

Negli ultimi minuti, Shams Charania di The Athletic ha annunciato che l’accordo è stato completato, con un pacchetto gravitante attorno a Josh Hart e Draft compensation. Adrian Wojnarowski ha riportato un ulteriore aggiornamento che coinvolge altri giocatori di Portland:

PORTLAND TRAIL BLAZERS ricevono: Josh Hart; Nickeil Alexander-Walker; Tomas Satoransky; Didi Louzada; *2022 first-round pick (protetta 5-14); 2026 second-round swap rights, 2027 second-round pick

NEW ORLEANS PELICANS ricevono: CJ McCollum; Larry Nance Jr; Tony Snell


*2022 first-round pick (protetta 1-14): 1-14 resta ai Pelicans – di conseguenza, 5-14 ai Trail Blazers; 15-30 agli Charlotte Hornets. In pratica: 1-4 ai New Orleans Pelicans; 5-14 ai Portland Trail Blazers; 15-30 agli Charlotte Hornets. Se la scelta cadesse in mano a Charlotte, Portland avrebbe una prima scelta futura.

Dopo la trade che ha portato Norman Powell e Robert Covington ai Los Angeles Clippers (il recap QUI), altra botta per i Portland Trail Blazers, che adesso stillano quello che è praticamente un trattato di rebuilding in forma non-scritta. Considerano anche il non-garantito di Eric Bledsoe, infatti, saranno solo 68.6 i milioni di dollari occupati da contratti garantiti nel 2022/23, di cui circa 42.5 di Damian Lillard.

Quest’ultimo, vista la situazione, va inevitabilmente ad inserirsi fra i nomi da osservare nei prossimi giorni (o nelle prossima estate), dato che sembra piuttosto complesso da capire come possa accettare un contesto del genere, ufficiosamente smantellato. Nel frattempo, da segnalare una sostanziosa traded-player exception per i Portland Trail Blazers, che hanno anche dovuto liberare un posto a roster per eccesso di giocatori, tagliando così Cody Zeller – già out per infortunio al ginocchio destro.

Molto bene, invece, i New Orleans Pelicans. Il solo CJ McCollum in sé, per quanto aggiunta importante e buon profilo in ottica Zion Williamson, non sembrava il fit ideale per Brandon Ingram, visto il bisogno speculare di entrambi di creare tiri principalmente palla in mano.

Tutt’altro di dire, invece, sulle ulteriori due aggiunte: Larry Nance Jr. è il profilo perfetto da affiancare a Zion in una eventuale small-ball lineup (nonostante l’operazione al ginocchio che lo terrà fuori per 6 settimane), mentre Tony Snell è un tiratore da 39.4% da dietro l’arco dei tre punti, seppur in una fase discendente della propria carriera. Il contratto di Nance verrà assorbito dalla TPE creata dallo scambio di Steven Adams, e New Orleans potrebbe far parte di qualche altro scambio, visto l’enorme carico salariale in arrivo da questa mossa:

Recap finale:

lascio qui il nuovo tweet così da non doverlo cercare ogni volta