FOTO: Getty Images

Poco fa Keith Pompey, The Philadelphia Inquirer, ha pubblicato un articolo nel quale spiega che Ben Simmons ha partecipato alla film session di Philadelphia prima della gara di ieri contro i Toronto Raptors, poi persa nel finale.

Doc Rivers, tuttavia, sembra non voler affatto affrontare, ancora una volta, la delicata questione:

“Non lo sapevo, ma sì, evidentemente c’era. Non l’ho visto. Quando inizia la stagione mi concentro solo sulla pallacanestro. Di tutto il resto se ne occuperanno Morey e Brand.”

Simmons è ancora out per occuparsi dei propri problemi di mental health, ma le distanze tra il giocatore (e il suo agente Rich Paul di Klutch Sports) e lo staff della squadra, che lo ritiene invece pronto per scendere in campo, appaiono ancora incolmabili. Qui il botta-e-risposta nella giornata di ieri tra Rich Paul e i rappresentanti dei Sixers.

L’australiano, intanto, non ha ancora partecipato ad allenamenti collettivi, nonostante abbia partecipato a sessioni di tiro individuali. Una data per il ritorno non è ancora prevista, ma Ben continuerà a svolgere il lavoro con la squadra e la terapia con lo specialista fornito dalla società, con cui il primo incontro è avvenuto lunedì scorso. Simmons ha approvato la collaborazione fra il suo terapista privato e quello dei Sixers, per fare in modo che la situazione possa sbloccarsi nelle prossime settimane.