FOTO: NBA.com

Questo contenuto è tratto da un articolo di Tyler Glasscock per Air Alamo, tradotto in italiano da Marta Policastro per Around the Game.


Il front office dei San Antonio Spurs non può sottovalutare l’importanza di questa offseason, dalla quale la franchigia texana deve uscire con talenti da affiancare alla stella Victor Wembanyama, sotto la guida di uno dei migliori coach in circolazione, Gregg Popovich. Gli Spurs hanno a disposizione diverse alternative e sono nella posizione perfetta per scegliere quale strada intraprendere per tornare ai livelli di un tempo. Senza una mossa significativa da parte del front office in free agency o sul mercato, è difficile che gli Spurs si possano qualificare ai Playoffs.


Trade up per Zaccharie Risacher

Zaccharie Risacher è un giocatore dal grande potenziale. La sua versatilità e le sue caratteristiche fisiche lo renderanno prima o poi un problema di matchup per quasi tutte le squadre della lega. È però ancora molto giovane ed è probabile che ci vogliano diversi anni prima che diventi uno dei migliori della lega, anche se San Antonio, grazie al suo staff tecnico, sarebbe l’ambiente ideale per migliorare. Sarà difficile che Atlanta ceda la propria pick senza chiedere in cambio agli Spurs la quarta e l’ottava scelta al Draft ma, se dovesse accadere, sul lungo periodo, la coppia Wembanyama e Risacher sarebbe fenomenale.

Mantenere le pick e draftare Dalton Knecht

Gli Spurs potrebbero usare la quarta pick per selezionare Stephon Castle, Rob Dillingham o Reed Sheppard, ma il risultato sarebbe lo stesso: una partecipazione al Play-in, al massimo. Tra questi giocatori, solamente Stephon Castle porterebbe intensità difensiva. Rob Dillingham, Reed Sheppard e Dalton Knecht porterebbero alla squadra quella scintilla offensiva di cui gli Spurs avrebbero tanto bisogno. La scaltrezza in attacco di Dillingham e la sua creatività con la palla in mano gli permetterebbero di portare la palla nel pitturato con facilità e di creare opportunità per la squadra, specialmente per Wembanyama e Devin Vassell. Sheppard (52%) e Knecht (40%) sono degli ottimi tiratori da tre punti; Knecht è inoltre un realizzatore su tre livelli e un giocatore esperto (23 anni), che potrebbe inserirsi nel sistema e contribuire immediatamente, diversamente da altri giocatori su cui gli Spurs potrebbero puntare.

Scambiare la quarta scelta per una point guard esperta e scegliere Dalton Knecht

Negli ultimi anni, gli Spurs hanno sempre scelto giocatori molto giovani, non ancora pronti a contribuire nei Playoffs. Anche Popovich, dopo una sconfitta contro gli Orlando Magic, a febbraio, ha sottolineato quanto i giocatori più giovani debbano ancora lavorare per migliorare. Se il coaching staff dovesse anche quest’anno avere a che fare con così tanti giocatori inesperti, ne risentirebbe la crescita della squadra. Questo problema non esisterebbe, scegliendo Knecht.

Per quanto riguarda le point guard, gli Spurs potrebbero intavolare una trade per Darius Garland, Dejounte Murray, Trae Young o qualche altro veterano. Con uno di questi giocatori e la crescita di Victor Wembanyama, Devin Vassell e Jeremy Sochan, gli Spurs potrebbero ambire a un posto ai Playoffs, magari senza passare dal Play-in.