FOTO: NBA.com

Ormai, si sa, non possiamo vivere senza almeno un aggiornamento quotidiano su Russell Westbrook. Come abbiamo riassunto QUI, l’ex Lakers si prenderà del tempo per decidere se contrattare o meno il buyout con i Utah Jazz o se attendere la free agency.

Nel frattempo, le squadre interessate sarebbero molteplici: Los Angeles Clippers e Chicago Bulls in testa, Washington Wizards leggermente dietro e Miami Heat. Adrian Wojnarowski di ESPN nella notte ha spiegato come con i primi la situazione sia complessa, e ne abbiamo parlato anche noi QUI un paio di giorni fa: per “complessa” si intende che Lawrence Frank sia non troppo propenso a firmare Westbrook, mentre Paul George si sarebbe dichiarato favorevole anche pubblicamente riguardo a un arrivo dell’ex compagno dei tempi di OKC. E infatti ci sono aggiornamenti sulle trattative da The Athletic, per cui i Clippers avrebbero avuto il permesso di parlare con il giocatore: mentre da parte della franchigia ci sarebbe interesse a capire l’eventuale ruolo di Westbrook, le due star parleranno con l’ex Lakers per chiarire il da farsi entro il primo marzo.

Lato Bulls, invece, molta più convinzione. Abbiamo già riportato QUI della spinta di coach Billy Donovan per un’altra reunion (dopo quella cercata da George) in salsa Thunder, ma nello stesso aggiornamento notturno di Wojnarowski si parla di Chicago come “convinta dell’idea di portare Russell Westbrook in squadra”, adducendo tra le motivazioni principali le difficoltà recenti del roster e il già citato rapporto con l’allenatore.

A differenza dei Clippers, i Bulls dovrebbero liberare un posto per una firma, e il primo nome in partenza sembrerebbe quello di Goran Dragic. Alla prossima puntata dell’ennesima telenovela con protagonista Russell Westbrook.