Dopo l’infelice parentesi ad LA e il taglio da parte dei Lakers, il centro veterano firmerà con i Sixers.

Un inizio da starter, poi fuori dalle rotazioni e, infine, il taglio. Gli ultimi mesi di DeAndre Jordan – come quelli di ogni individuo in maglia Lakers in questa stagione – sono stati a dir poco altalenanti. Questo giro poco divertente sulle montagne russe di LA, però, sembra aver trovato fine.

Dopo il taglio ricevuto entro la deadline del primo marzo, data utile per permettere ai giocatori “scartati” di mantenere la Playoffs eligibility, Jordan è stato da subito affiancato ai Philadelphia 76ers e, nelle ultime ore, si è raggiunta l’ufficialità.

Il taglio effettuato ha permesso ai Lakers di liberare uno spot a roster per la firma di DJ Augustin (separatosi dai Rockets come effetto collaterale della trade Theis-Schroeder), mentre i Sixers, per assorbirlo, non dovranno rinnovare o convertire il 10-day contract di recente firmato da Willie Cauley-Stein, che tornerà fra i waivers.

A Philadelphia, DeAndre Jordan si riunirà con un rinvigorito James Harden, compagno (e amico piuttosto stretto) già ai Nets lo scorso anno, e svolgerà un ruolo da backup di Joel Embiid, in maniera piuttosto speculare a quello che è stato Andre Drummond negli ultimi mesi.

L’ormai ex-Lakers si era già accordato a settembre 2021 per un buyout con i Detroit Pistons dopo essere stato scambiato da Brooklyn, lasciando sul piatto 4 dei $20 milioni previsti dai due anni di contratto rimanenti. Ciò significa che, contando la piccola parte di stipendio rimasta in seguito al taglio da parte di Los Angeles, il rest-of-the-season contract che offrirà Philadelphia e i $7.9 milioni dal buyout di Detroit (e altri $7.8 milioni la prossima stagione, senza stretch provision), DeAndre Jordan avrà comunque probabilmente modo di superare i $10-11 milioni di incasso stagionale, dopo aver giocato in tutto 408 minuti nel 2021/22 – ben 12 totali nelle ultime 10.

Tra l’altro, minuti che hanno dato origine a risultati piuttosto discutibili. Vedremo se la città dell’amore fraterno avrà un effetto benefico anche su di lui.