L’allenatore ha raccontato di aver avuto un colloquio con l’australiano.

FOTO: NBA.com

Le puntate della saga Ben Simmons, ormai, hanno superato in maniera vistosa, per numero, soap opera di lunghissimo corso. Nonostante l’incessante tira-e-molla di questi mesi, tuttavia, la soluzione sembra ancora molto lontana, con l’australiano sempre più isolato e dal trade value ai minimi storici.

Come riportato in queste ore da SixersWire, tuttavia, ci sarebbe stato un piccolo riavvicinamento tra Simmons e la squadra, frutto soprattutto dell’esasperazione dovuta al perdurare dello “stallo” degli ultimi mesi.

Doc Rivers in conferenza stampa ha raccontato di aver avuto in settimana un colloquio telefonico con Simmons, il cui esito però è acora abbastanza incerto. “L’ho sentito in questi giorni, sta bene, ma non so dirvi quando tornerà. Ho voluto tralasciare questa parte nella nostra conversazione, penso che ci siano abbastanza problemi perché ci si occupi anche di questo.”

Nonostante la telefonata, quindi, la Guerra Fredda tra il numero 25 e i Philadelphia 76ers non sembra aver avuto alcun tipo di allentamento, tanto che lo stesso Rivers è apparso visibilmente seccato davanti alle richieste di chiarimento della stampa.

La prossima puntata è dietro l’angolo. La soluzione (nonostante le ipotesi di trade continuino a non mancare), probabilmente, no.