L’ennesimo capitolo di una storia d’amore mai sbocciata tra il Re ed ESPN.

FOTO: NBA.com

Se mai ve lo foste chiesti la risposta è no, LeBron James non sembra essere in rapporti splendidi con il network di ESPN.

Tra le tante vicende che possono alimentare questa tesi, una arriva direttamente dall’ultima puntata del podcast “What did I miss” condotto da Michelle Beadle e nella quale ha partecipato anche Paul Pierce.

Beadle, ora a The Athletic, lasciò ESPN nel 2019 e, in questa puntata, afferma che LeBron James provò ad accelerare il tutto – in modi tuttavia non chiariti:

“Ci provò, sì. Ero onorata di avere un posto nei suoi pensieri. Grazie mille, signor James!

Non c’era nulla di personale: tutto iniziò da una critica a ‘The Decision’, cosa che fecero in 400mila oltre a me. Da lì ci si è maggiormente spostati sul personale…”

(Michelle Beadle)

Due fattori potrebbero aver contribuito a infiammare la questione: in primo luogo, ovviamente, la presenza di Paul Pierce, da sempre in conflitto con il Re. Inoltre, la personalità stessa di Beadle ha giocato un ruolo determinante, nel podcast così come in tutta la sua carriera giornalistica. Non è la prima volta, infatti, che attira l’attenzione dei grandi atleti per comportamenti poco apprezzati: anche il campione di pugilato Floyd Mayweather se la prese con lei (e con Rachel Nichols), vietandole di assistere ad un suo incontro nel 2015.