I Los Angeles Lakers stanno cercando di liberare spazio per poter puntare a nuovi innesti. Kent Bazemore e DeAndre sono i primi indiziati a fare le valigie.

Da settimane i Los Angeles Lakers stanno cercando di liberare spazio (a livello numerico e salariale) nel proprio roster per poter puntare a qualche innesto nel trade market e/o nel buyout market, alla ricerca di qualche giocatore in grado di aiutare la squadra a raddrizzare un’annata partita decisamente con il piede sbagliato.

Dopo la trade di settimana scorsa che ha portato Rajon Rondo ai Cavaliers in cambio di qualche cap-filler non destinato a rimanere alla corte di coach Vogel, Rob Pelinka sta tentando di piazzare sul mercato altri giocatori fuori dal progetto tecnico dei giallo-viola, per poter in seguito orchestrare una trade (e una firma tra i buyout) volta a migliorare il roster in vista dei prossimi Playoffs.

Secondo l’insider Brian Windhorst di ESPN, tanto DeAndre Jordan quanto Kent Bazemore sarebbero al momento con le valigie in mano, pronti a lasciare la Califronia.

In seguito alle recenti scelte di Vogel – sempre più propenso ad utilizzare quintetti versatili e con un miglior spacing offensivo – i due veterani sono rimasti ai margini dalle rotazioni. Questo ha indotto il front office dei Lakers a cercare uno scambio e liberarsi di loro in vista della trade deadline e della stagione dei buyout, in cui LA potrebbe aggiungere a roster giocatori in uscita da realtà senza ambizioni in post-season.

Sul fronte trade, tuttavia, permangono solamente delle suggestioni – e molte perplessità sugli asset a disposizione di Rob Pelinka.

Secondo quanto riportato da Shams Charania, gli obiettivi principali sarebbero Ben Simmons e Jerami Grant, da mesi al centro di un’infinità di indiscrezioni di mercato.

“La trade che hanno fatto in estate per Russ non ha dato i frutti sperati, e questa squadra non ha giovani interessanti. Per questo sono attivi sul trade market. Ben Simmons e Jerami Grant hanno l’identikit perfetto: giovani, versatili, sanno fare tante cose in campo. Non hanno giocatori così i Lakers tra le proprie ali.”

Shams Charania