Una serie di veterani (e non) che potrebbero animare il mercato NBA delle prossime settimane.

FOTO: NBA.com

Con la Regular Season che sta volgendo al termine, diverse squadre stanno facendo delle valutazioni sulle ultime possibili aggiunte al roster in ottica Playoffs. La deadline per mettere sotto contratto dei free agents è fissata al prossimo 9 aprile, giorno conclusivo della stagione regolare, oltre il quale le franchigie non potranno più firmare nuovi giocatori né convertire two-way contract in standard contract. Quali potrebbero essere, quindi, gli ultimi movimenti di mercato?

Negli ultimi giorni si è parlato dei Lakers e della loro ricerca di un lungo da aggiungere alle rotazioni. Come confermato da coach Darvin Ham, Tristan Thompson e Tony Bradley hanno svolto dei workout con la squadra, ma secondo l’allenatore dei giallo-viola “nessuna aggiunta al roster è imminente” e l’organizzazione “sta semplicemente valutando le opzioni disponibili”.


Oltre ai due ex Bulls, in ogni caso, ci sono diversi veterani (e non) attualmente senza contratto che stanno aspettando un’ultima chiamata, e orbitando nei pensieri di qualche general manager NBA alla ricerca di una figura di esperienza da inserire nello spogliatoio. E il primo nome che viene in mente, in tal senso, è quello di Carmelo Anthony.

Non è la prima volta che Melo trascorre dei mesi disponibile sul mercato, ma dopo 19 anni nella lega questa potrebbe essere la prima in cui rimane effettivamente a guardare dall’inizio alla fine (nonostante Marc J. Spears abbia suggerito un suo possibile ruolo da mentore di Ja Morant). Anche Dwight Howard (che ha trascorso i suoi ultimi mesi giocando nel campionato di Taiwan) e Trevor Ariza, due super-veterani con 18 primavere in NBA alle spalle, sperano in una last call nelle prossime settimane (ma non parlatene a Dillon Brooks).

Eric Bledsoe, 33 anni, ha giocato in Cina nel 2022/23 e potrebbe attirare squadre alla ricerca di ulteriore profondità nel backcourt. Chi invece cerca un’aggiunta nel reparto lunghi potrebbe guardare a Nerlens Noel (28), non confermato da Brooklyn dopo la scadenza del 10-day contract, o Willie Cauley-Stein (29). E poi? Andiamo avanti con una lista di vecchi(ssim)e conoscenze della lega disponibili come last-minute free agents.

Lou Williams non si vede dall’infortunio all’anca dell’anno scorso, ma a 36 anni il tre volte 6MOY ha detto recentemente di “sentirsi in buone condizioni e pronto per tornare”; LaMarcus Aldridge (37) si era fermato nell’aprile 2021 per un problema al cuore, ma ha fatto ritorno l’anno scorso con i Nets e potrebbe rappresentare una voce sicura da aggiungere a spogliatoi carenti di esperienza; Paul Millsap (38) ha giocato nove partite con i Sixers nel 2022 e da allora sta attendendo un’opportunità; Rajon Rondo (37) non si è visto quest’anno, dopo essere passato da una squadra all’altra (Lakers, Hawks, Clippers, ancora Lakers, Cavs) nelle ultime due stagioni; DeMarcus Cousins (32), Isaiah Thomas (33), Serge Ibaka (33) e Hassan Whiteside (33) completano l’elenco.

Infine, ecco altri 10 free agents ancora disponibili (in ordine di ruolo):

  • Ed Davis (33)
  • Derrick Favors (31)
  • Juancho Hernangomez (27)
  • Kent Bazemore (33)
  • DeAndre’ Bembry (28)
  • Rodney Hood (30)
  • Avery Bradley (32)
  • Bryn Forbes (29)
  • Langston Galloway (31)
  • D.J. Augustin (35)