I Los Angeles Lakers hanno firmato Lonnie Walker IV, in uscita da San Antonio. La guardia ormai ex-Spurs, come riportato da Sham Charania, arriva a LA con un contratto da un anno e 6.5 milioni di dollari (taxpayer mid-level exception), andando a colmare il vuoto nel roster lasciato dalla partenza di Malik Monk.

Oltre a Walker, a pochi minuti di distanza annunciato un’altra firma ufficiale dei giallo-viola: Troy Brown Jr, ala che nell’ultimo anno e mezzo ha militato nei Chicago Bulls. Si unirà ai Lakers con un contratto al minimo salariale.

Rob Pelinka ha ora 4 spot da riempire a roster (3 contando già Max Christie, 35esima scelta al Draft, che firmerà per due stagioni al minimo), per riempire il quale il front office utilizzerà altri minimum contracts.

L’aggiunta di Troy Brown al minimo salariale non è delle peggiori, sebbene il suo 34% da fuori in carriera non aggiunga lo spacing necessario richiesto dai Lakers. Un po’ overpayed, invece, Walker IV, probabilmente frutto di un tentativo dell’ultimo minuto di sostituire Monk, come scritto sopra.

Con 0 asset a disposizione, i Lakers non avranno molto margine di manovra per assemblare un roster competitivo, se non sperando in una qualche forzatura che permetta l’arrivo di Kyrie Irving.