FOTO: Sporting News

L’uno-contro-uno è il metodo più antico e diretto di creare vantaggio nella pallacanestro. Tanto più, in NBA, dove atletismo medio e bagaglio individuale sono tendenzialmente di livello elitario, soprattutto – in quest’ultimo caso – se si parla dei megacreator palla in mano.

DeMar Derozan, Kyrie Irving, Luka Doncic e altri ancora, tutti scorer di livello elevatissimo, tutti dipendenti da isolamenti giocati palla in mano. Tra questi, alcuni stanno disputando una stagione di altissimo livello, rispettando le aspettative, ma molti altri stanno invece faticando a mettere in risalto al meglio le loro doti.

Prendendo spunto da un tweet di NBA University, ecco i 10 migliori scorer in uno-contro-uno della NBA, almeno per quel che riguarda la produzione, elencati in ordine e con un paio di commenti (minimo 20 gare giocate, minimo 3 isolamenti per possesso):


GUIDA

PPP: punti per possesso in isolamento (solo giocatore, senza includere assist)

Poss.: possessi per partita in uno-contro-uno

eFG%: efficienza in isolamento

ScorerPPPPoss.eFG%
K. Irving1.254.660.8
D. DeRozan1.2323.853.6
D. Lillard1.1825.057.6
Z. Williamson1.1564.260.5
L. Doncic1.1257.454.5
K. Leonard1.0953.054.0
J. Harden1.0716.648.2
P. Siakam1.0694.150.9
K. Durant1.0245.450.6
Shai G.A.1.0215.947.0

Commenti:

  • il quantitativo di isolamenti di Luka Doncic è impareggiabile, e il fatto che resti comunque in top 10 per produzione, beh… merita un articolo a parte.
  • Kyrie Irving fa paura, e ancor di più pensando che in squadra con lui ci sia uno specialista del calibro di Kevin Durant.
  • James Harden, invece, usa ancora tanto l’isolamento, memore dei tempi passati: la produzione è buona, l’efficienza un po’ meno,

JUST FOR FUN: per curiosità, con gli stessi parametri, ecco i meno produttivi in uno-contro-uno, con la classifica ribaltata:

ScorerPPPPoss.eFG%
R. Westbrook0.8383.941.9
P. George0.8503.841.1
L. James0.8574.140.8
A. Edwards0.8844.444.5
D. Booker0.8853.640.6

Qualche sorpresa? Per noi:

  • a Los Angeles, tra Westbrook, George e James, non piace molto l’isolamento. Ancor meno sponda Lakers.
  • Edwards e Booker hanno lo stesso problema: sono al momento la sola opzione credibile in termini di scoring elitario, il primo a causa dell’infortunio di KAT, il secondo per il calo di Phoenix (e Chris Paul)