Il parere di Rajpal Brar (3CB Performance) per capire quando e come potremmo rivedere in campo Kawhi Leonard.

FOTO: NBA.com

Questo contenuto è tratto da un articolo di Dr Rajpal Brar per 3CB Performance, tradotto in italiano da Marco Marchese per Around the Game.


Le recenti dichiarazioni di Chris Haynes riguardo le condizioni di Kawhi Leonard hanno creato aspettative per un suo “recupero in anticipo sulla tabella di marcia”, dopo l’intervento al ginocchio destro per la rottura (parziale) del legamento crociato anteriore. Ci sarebbero, secondo Haynes, “ottime possibilità di rivederlo in campo in questa stagione”.

Le tempistiche di recupero medie in NBA per infortuni del genere si aggirano attorno ai 9 mesi. Un rientro “nella media” per Leonard, quindi, sarebbe a metà aprile, motivo per cui non sembravano molte le possibilità di vederlo in campo nella stagione 2021/22.

Non deve sorprendere che un atleta come Kawhi possa recuperare più velocemente del previsto, considerando la sua struttura e gli standard di cura del suo corpo che ha sempre mantenuto. Rientrare da un infortunio del genere, però, non è mai facile, e non è scontato che si ritorni in breve tempo vicino ai livelli precedenti all’infortunio; anzi, spesso è necessario un periodo in cui gli atleti devono recuperare la forma e riabituarsi al ritmo della Regular Season.

Ipotizziamo che Leonard riesca a tornare con un mese e mezzo di anticipo rispetto alla timeline prevista, quindi a inizio marzo. I Clippers, alla 65esima partita stagionale, saranno impegnati nella corsa ai Playoffs (attualmente sono ottavi con 19 vinte e 20 perse) e non sarebbe molto il tempo a sua disposizione per ritrovare una buona condizione. Chiaramente, non si tratta del momento della stagione ideale per un giocatore appena ristabilito da un grave infortunio.

Lo staff medico dei Clippers stabilirà insieme al giocatore, valutando i suoi progressi, se e quando varrà la pena di farlo tornare in campo. Nelle prossime settimane ne sapremo di più.