Questo contenuto è tratto da un articolo di Aaron Abhishek per Fadeaway World, tradotto in italiano da Marco Barone per Around the Game.


Ja Morant è stato uno dei giocatori snobbati quando la Lega ha annunciato gli All-NBA Teams in questi giorni. Un’assenza “costosa”, dal momento che il giocatore a questo punto non si qualificherà per la supermax extension, passando da un potenziale quinquennale da $233 milioni a uno da $194 milioni, perdendo così $39 milioni per strada.


Avevamo spiegato la questione, che già si era delineata dopo il tran tran fuori dal campo, QUI:

Per avere accesso ai pieni benefici della Rookie Scale extension firmata nel 2022, la stella di Memphis dovrà essere selezionato per uno dei primi tre All-NBA Team – o essere eletto MVP o DPOY, molto meno probabile.

Per intenderci, il contrario di quello che avverrà per Jayson Tatum e Jaylen Brown, ai quali abbiamo dedicato un approfondimento QUI.

Un’esclusione, dunque, che peserà su Ja Morant. Quest’ultimo aveva già dimostrato un calo in stagione, indipendentemente dalla sospensione ricevuta per 8 gare. Calo culminato nell’eliminazione non proprio memorabile dei Memphis Grizzlies, al netto dei problemi alla mano.

I nomi selezionati prima di lui sono comprensibili, comunque, e tutti di alta caratura (se cercaste le votazioni, le trovate QUI):

Ja Morant si è ovviamente esposto sui social, postando un Tweet con il messaggio “back on top soon” (“presto tornerò in vetta”), e poi condividendo altri due Twwet sull’argomento. Il primo di Drew Hill, beat writer per il Daily Memphian:

“Ja Morant è un giocatore da supermax che non ha ottenuto il supermax. Penso sia ovvio. Ha giocato più partite dello scorso anno, ha avuto un piccolo calo nei punti per partita compensato da un salto negli assist. I Grizzlies sono arrivati secondi a ovest.

Sono sicuro che alcuni elettori abbiano tenuto conto di quello che è successo fuori dal campo, ma i numeri parlano chiaro.”

Il secondo di Brandon Nwokeji, anche lui collaboratore per Bluff City Media, sito che si occupa della città di Memphis:

“Nessuna selezione All-NBA per Ja Morant, dopo che ha chiuso la stagione all’undicesimo posto in punti per partita e al quinto per assist per partita.

Morant è appena tornato al punto in cui dà il meglio di sé: sottovalutato e sottostimato. Per il 12 è in arrivo una gigantesca stagione di rivalsa.”

Sebbene la selezione possa essere opinabile, i risultati ormai sono usciti e adesso Ja Morant avrà altro su cui concentrarsi. Ad esempio, sul fatto che i Grizzlies sono usciti dai Playoffs e si preparano a una offseason con qualche cambiamento, a partire da Dillon Brooks, che dirà addio. Se Ja rispetterà le enormi aspettative appena poste, Memphis potrà tornare a dire la sua pesantemente.