Foto: NBA.com

Con una mossa completamente inaspettata, nella giornata odierna gli Houston Rockets pare stiano per firmare Reggie Bullock, una volta che questo sarà diventato Free Agent. L’acquisizione del tiratore ex-Mavericks, per quanto anticlimatica rispetto all’ambiente che dovrebbero voler creare in Texas, resta in realtà piuttosto in linea con quanto visto fino adesso nell’off-season.

Dopo aver speso, e nemmeno poco, per VanVleet e Brooks, infatti, i Rockets aggiungono un altro veterano, che, per quanto incostante (alternando stagioni da cecchino ad altre decisamente meno “prolifiche”), garantisce una determinata sicurezza a livello di produzione.

Resta da capire quale sarà il ruolo, e soprattutto il minutaggio, che coach Udoka gli riserverà, specie dopo la molto probabile esclusione di Kevin Porter Jr., che libererà uno spazio non indifferente. Quello che è certo però è che anche questa mossa vada nella linea del togliere spazio ai vari Jalen Green, Cam Whitemore e, soprattutto, Amen Thompson, che si ritrova con un altro “rivale” in un ruolo, tecnicamente non affine al suo, ma sovrapponibile nelle rotazioni.

Ovviamente ciò potrebbe anche avere un risvolto positivo, una squadra di soli giovani difficilmente cresce con un andamento lineare, ed avere giocatori sui quali fare affidamento, specie se di questo tipo, ovvero estremamente “scalabili” a livello di sistema, potrebbe anche giovare liberando spazi in area proprio per lo strabiliante atletismo delle guardie a roster.