Dopo l’eliminazione ai Playoffs per mano dei Denver Nuggets, la situazione in casa Phoenix Suns è sempre più densa di incertezze. Oltre a quelle interne al roster, dal caso-Ayton alla possibile partenza di Chris Paul, nelle ultime ore la scossa all’ambiente è arrivata, come atteso, con il licenziamento di coach Monty Williams.

La decisione di cambiare guida tecnica è stata presa, come riportato da Shams Charania (The Athletic), per volontà del nuovo proprietario Mat Ishbia e del general manager James Jones, evidentemente delusi per l’andamento della post-season e preoccupati per le possibilità di invertire la rotta in vista della prossima stagione. La scelta è stata annunciata a Williams appena conclusa Gara 6 contro i Nuggets.


E così, da oggi la dirigenza dei Suns è alla ricerca del sostituto di coach Monty, che in Arizona lascia in eredità una panchina su cui ha vinto il premio di Coach of the Year, portato la squadra alle NBA Finals e chiuso la Regular Season con il miglior record dell’NBA. Sono stati, insomma, quattro anni sicuramente positivi per l’allenatore e per la franchigia, ma per entrambi è arrivata l’ora di voltare pagina.

Dopo 10 anni nella lega da giocatore, Monty Williams ha avuto alcune esperienze da assistente (Blazers, Hornets, Thunder, Sixers) prima di avere la sua occasione da head coach, a Phoenix, da cui si proietta sul mercato con una solida considerazione. Diverse le squadre che potrebbero interessarsi subito a lui, ad esempio Milwaukee Bucks, Detroit Pistons e Toronto Raptors, reduci a loro volta dalle separazioni rispettivamente da Mike Budenholzer, Dwane Casey (passato al front office) e Nick Nurse.

Come confermato dalle solite league sources ad Adrian Wojnarowski (ESPN), i canadesi paiono in prima fila, con Masai Ujiri e soci che sembrano vedere in Monty Williams la prima opzione per il dopo-Nurse. Al contrario, proprio Budenholzer e Nurse, campioni NBA del 2021 e 2019, sono due profili che i Suns potrebbero considerare con attenzione.

Ad ora però, come sottolineato da Woj, non c’è ancora una lista di candidati nella testa di James Jones e soci, la cui ricerca del nuovo allenatore è appena iniziata. I nomi emersi più spesso nelle ultime settimane per l’head coach free agency sono Kevin Ollie (Overtime Elite), Charles Lee (assistente ai Bucks) e Jarron Collins (assistente New Orleans Pelicans), ma con nuove panchine e allenatori che si liberano – e libereranno? – durante i Playoffs, bisogna essere pazienti: il valzer potrebbe essere appena cominciato.