La parola d’ordine del nuovo corso della Nazionale canadese di Nick Nurse è “continuità”. L’attuale allenatore dei Toronto Raptors, infatti, ha sottolineato a più riprese l’importanza di avere un nucleo con cui lavorare stabilmente nel percorso di avvicinamento ai prossimi Giochi Olimpici, in programma a Parigi nel 2024; per questo, ha fatto del commitment a lungo termine una condicio sine qua non, o quasi, per la selezione dei giocatori.

“Coach Nurse ha detto chiaramente che i giocatori che non si impegnano con la Nazionale per almeno tre anni”, ha scritto Oren Weisfeld su Sportsnet, “dovranno sperare che ci sia un posto per loro nel team olimpico.”


Diversi giocatori NBA hanno aderito con entusiasmo alla richiesta della federazione canadese, confermando il proprio incondizionato impegno negli anni a venire; tra questi, Nickeil Alexander-Walker, Shai Gilgeous-Alexander, RJ Barrett, Lu Dort e Dwight Powell. Non tutti, però, hanno risposto positivamente.

Uno degli elementi più importanti di Team Canada, Andrew Wiggins, non ha nascosto di considerare eccessiva la richiesta dello staff tecnico, e di non essere disponibile a prendere un impegno simile sul lungo periodo. L’ala dei Golden State Warriors ha spiegato a Weisfeld i motivi del suo scetticismo, lasciando intendere come questi abbiano evidentemente causato dei contrasti con coach Nurse e con la federazione negli ultimi mesi, portando al suo allontanamento dal giro della Nazionale:

“Vogliono un commitment a lungo termine. Ora, la mia priorità sono i Golden State Warriors, e ho una famiglia e dei bambini. Insomma, ho una vita anche al di fuori del basket. Impegnarmi per tutti questi anni con Golden State e allo stesso tempo con la Nazionale non avrebbe senso per me. Nei mesi durante la stagione NBA passo tutto il mio tempo con gli Warriors; dopo di che, quando arriva l’estate, credo sia giusto che io possa fare le mie valutazioni e prendere una decisione. (…) Mi piacerebbe molto essere nel team olimpico, ma non sono disposto a prendere un impegno di tre anni. Se decideranno di non chiamarmi, riuscirò lo stesso a dormire, sarà una scelta loro.”

Wiggins e Team Canada riusciranno a ricucire lo strappo? In caso affermativo, potrebbero presentarsi a Parigi 2024 con una starting lineup abbastanza impressionante: Shai Gilgeous-Alexander, Jamal Murray, RJ Barrett, Andrew Wiggins, Chris Boucher; e con diverse alternative di lusso, tra cui Lu Dort, Dwight Powell, Kelly Olynyk, Dillon Brooks e Brandon Clarke.