A Denver, “DeMarcus ha trovato casa”. Lo aveva anticipato con queste parole coach Michael Malone la scorsa settimana, e nella serata di ieri è arrivata la conferma da parte di Shams Charania: DeMarcus Cousins, ora che è terminato il suo secondo 10-day contract con i Denver Nuggets (il massimo consentito ad un giocatore con la stessa franchigia), firmerà fino al termine della stagione.

È arrivato, dunque, il “rest-of-season contract” garantito che Cousins ha atteso per mesi, dopo il non-guaranteed firmato con i Miwaukee Bucks a dicembre (tagliato il 6 gennaio), e i due 10-day con i Nuggets nell’ultimo mese. L’ufficialità è attesa nella giornata di venerdì, secondo Mike Singer (Denver Post):

Cousins andrà ad occupare il 15esimo spot a roster, che i Nuggets avevano liberato con la 3-team trade del mese scorso con Celtics e Spurs, in cui avevano acquisito Bryn Forbes cedendo Bol Bol e PJ Dozier.

Come detto, l’accordo tra Boogie e Denver era nell’aria (honorable mention: Ryan Blackburn), soprattutto dopo le dichiarazioni di Malone ai media di martedì scorso:

“Amo DeMarcus, e credo che sia lo stesso per tutta la squadra. Quando fa una delle sue giocate, che sia una stoppata, un roll, una schiacciata o un tiro da tre, puoi sentire l’energia che arriva dai suoi compagni.

(…) DeMarcus ha una forte personalità. Si fa sentire, ed è quello di cui abbiamo bisogno. Mi ricorda quando abbiamo avuto Isaiah Thomas in squadra.”