Adrian Wojnarowski twitta le probabili sanzioni: alle due franchigie della Eastern Conference dovrebbe essere tolta una scelta.

FOTO: NBA.com

Adrian Wojnarowski, noto insider ESPN, ha anticipato tutti twittando la possibile conclusione di una delle vicende-NBA più discusse delle ultime settimane: il caso tampering di Chicago Bulls e Miami Heat, problema ormai all’ordine del giorno in NBA, con diversi casi conclamati nelle ultime stagioni.

Secondo l’analista, le due franchigie perderanno una scelta al secondo giro del prossimo Draft per aver contattato anzitempo – durante la scorsa Free Agency – Lonzo Ball e Kyle Lowry, i cui contratti sono stati depositati pochi secondi dopo l’avvio ufficiale delle negoziazioni.

La sanzione, quindi, ricalca quella comminata la scorsa stagione ai Milwaukee Bucks, rei di aver orchestrato prima del gong una sign-and-trade, poi non andata in porto, per Bogdan Bogdanovic. Al tempo, si parlò di sanzione lieve dovuta all’esito negativo della trattativa e alla collaborazione della franchigia durante l’indagine. Sorprende, quindi, che la Lega abbia punito in maniera simile trattative effettivamente andate in porto, considerando anche i casi pregressi di tampering.

Le due squadre, che hanno evitato una multa fino a dieci milioni di dollari, sono state comunque disponibili alla cooperazione durante le indagini e possono ora tirare un enorme sospiro di sollievo.