I Boston Celtics si trovano al momento al decimo posto della Eastern Conference, con un record di 23-24. Una prima metà di stagione sotto le aspettative, dunque, per una franchigia reduce da sette qualificazioni consecutive alla post-season, coronate da tre apparizioni alle Finali della Eastern Conference.

Il front office ora guidato da Brad Stevens sta cercando ormai da settimane di imbastire una trade per invertire la rotta e cercare di uscire il prima possibile da quella pericolosa “zona grigia” in cui sembra intrappolata. Ribadita l’incedibilità di Tatum e Brown – a lungo al centro della critica – i due indiziati a partire al momento sembrano essere Al Horford e Marcus Smart.

Proprio Smart potrebbe essere la pedina di scambio per portare a Boston il tanto agognato stretch-four di cui Ime Udoka avrebbe bisogno. Secondo quanto riportato dall’insider di Boston Dan Greenberg, infatti, si stanno intensificando le trade talks riguardo ad un possibile scambio tra i Celtics e gli Utah Jazz per Bojan Bogdanovic, giocatore da 39% dall’arco su 6.4 tentativi a serata.

Insieme a Smart, in questo scenario farebbero le valigie per Salt Lake City anche Dennis Schröder e una o due scelte al secondo giro: un pacchetto molto sostanzioso per un 32enne con un anno e mezzo di contratto rimanente, a circa 19 milioni a stagione.

In ogni caso, questo scambio non potrebbe essere concretizzato fino al 25 gennaio, primo giorno in cui Smart potrà essere scambiato dai bianco-verdi.