FOTO: Andscape

Questo contenuto è tratto da un articolo di Marc J. Spears per Andscape, tradotto in italiano da Niccolò Scquizzato per Around the Game.


Oltre a essere stato quattro volte campione, Andre Iguodala ha dimostrato di essere molto più di un atleta durante 19 anni di carriera NBA, che ora dice essere ufficialmente conclusa. Iguodala, quattro volte campione NBA con i Golden State Warriors, ha dichiarato ad Andscape che si ritirerà dall’NBA dopo 19 stagioni.


“È il momento giusto”, ha detto Iguodala, 39 anni, ad Andscape in un’intervista telefonica. “Il tempo cominciava a essere limitato per me e non volevo mettere nulla in secondo piano. Non volevo più cercare di delegare il tempo. Soprattutto in campo e fuori dal campo con la famiglia. Vuoi giocare ad alto livello. Ma anche la famiglia è fondamentale. Mio figlio ha 16 anni e poi ho due figlie. Non vedo l’ora di vederli crescere in questi anni importanti”.

Iguodala ha avuto una media di 11,3 punti, 4,9 rimbalzi e 4,2 assist in 1.231 partite. L’ex stella dell’Università dell’Arizona è stata la nona scelta assoluta nel draft NBA del 2004. Il giocatore, 1 metro e 98 centimetri per 97 chili, ha partecipato all’unico All-Star NBA con i Philadelphia 76ers nel 2012 e ha registrato il suo massimo in carriera di 19,9 punti a partita nella stagione 2007-08.

Il veterano è stato anche MVP delle NBA Finals 2015. È stato selezionato per due volte nell’All-NBA Defensive Team, nel First Team nel 2014 e nel Second Team nel 2011. Iguodala è stato anche medaglia d’oro ai Giochi di Londra 2012 e Campione del Mondo 2010 con USA Basketball. Iguodala si è inoltre classificato 39° nella storia dell’NBA per presenze totali in campo.

L’allenatore dei New Orleans Pelicans Willie Green, che ha giocato con Iguodala ai Sixers e lo ha allenato a Golden State, ha mostrato il suo rispetto.

“È sempre stato un ragazzo maturo e sono orgoglioso di vedere quello che ha fatto nella sua carriera sul campo”, ha detto Green ad Andscape. “Una medaglia d’oro olimpica. Un quattro volte campione NBA. Ma sono anche orgoglioso di lui per quello che è fuori dal campo, un marito e padre devoto. Ha un sacco di amici nell’ambiente NBA. Ma anche i ragazzi più giovani, lui li guidava e mostrava loro come essere professionisti. Era uno dei migliori e più versatili giocatori di sempre, in grado sia di giocare che di difendere in qualsiasi ruolo. Ha lavorato davvero tanto sul suo gioco perché voleva essere il migliore possibile. Questo è il motivo per cui è finito a Golden State ed è uno dei pilastri di quella squadra che ha vinto quattro anelli ed è diventata una dinastia. Se prendi un ragazzo come Andre in squadra, cambia le carte in tavola”.

Iguodala ha giocato con i Philadelphia 76ers, i Denver Nuggets e i Miami Heat. Il suo impatto maggiore lo ha avuto con i Warriors. Nel luglio 2013, Iguodala ha rifiutato un contratto quinquennale con i Nuggets per unirsi ai Warriors tramite sign-and-trade con un contratto di quattro anni e 48 milioni di dollari. Si è rivelata la mossa migliore della sua carriera. Con la franchigia ha vinto i campionati NBA nel 2015, 2017, 2018 e 2022. Dopo essere andato a Miami, Iguodala ha giocato le ultime due stagioni della sua carriera con i Warriors e la scorsa stagione ha disputato otto partite. Il proprietario degli Warriors Joe Lacob ha dichiarato nel 2019 di voler ritirare la maglia numero 9 di Iguodala dopo il suo ritiro.

“Abbiamo vinto quattro campionati, non è una cosa che tutti possono raccontare”, ha detto Iguodala. “Ci sono solo una manciata di squadre che possono dire questo. Ci sono i Chicago Bulls, i Los Angeles Lakers, i Boston Celtics, noi e basta. Nessuna organizzazione è stata gestita in questo modo. E credo che sia una testimonianza del fatto che crediamo l’uno nell’altro e che giochiamo nella maniera giusta. È stata giocata una pallacanestro splendida ed il tempismo è stato impeccabile per me, proprio nel momento migliore della mia carriera. Le cose sono avvenute nel modo in cui dovevano avvenire e questo ti fa rafforzare la tua fede. Dai il massimo e pensi: ‘Lasciami giocare al massimo delle mie capacità in base al lavoro che ho fatto e alla concentrazione che ho messo nelle gare’.”.

L’apice della carriera NBA di Igoudala si è concretizzato durante le finali NBA del 2015, quando è stato nominato MVP per la sua difesa sulla stella dei Cleveland Cavaliers LeBron James. In quelle Finals James ha tirato con il 38,1% dal campo quando difeso da Iguodala, rispetto al 44% degli altri difensori. Iguodala ha anche registrato una media di 16,3 punti, 4,0 assist e 5,8 rimbalzi nelle sei partite della serie.

“È stato molto bello”, ha detto Iguodala. “È stato divertente. È stato Bob Myers, l’allora general manager dei Warriors, a darmi la notizia. È stato uno di quei momenti che non dimenticherai mai. Ricordo ogni momento in cui è successo. Ma è sempre vero che se vai in campo e fai il tuo lavoro, le cose andranno proprio come devono andare. Devi solo avere fede nel fatto che le cose si risolveranno positivamente finché avrai fiducia. Nello sport si vede spesso che i ragazzi scendono in campo, si assicurano di ottenere il risultato e a volte questo ostacola il successo della squadra. È sempre così”.

Iguodala ha avuto un impatto anche per i suoi confratelli NBA, facendo parte del comitato esecutivo della National Basketball Players Association dal 2015 al 2023. L’ex presidente della NBPA Chris Paul ha riconosciuto a Iguodala, che da ultimo ha ricoperto la carica di primo vicepresidente, il merito di averlo aiutato a gestire le sfide della bolla NBA al Walt Disney World di Orlando, in Florida, nel 2020 durante la pandemia di coronavirus.

Durante la sua carriera nell’NBA, Iguodala ha anche dimostrato di essere molto più di un semplice giocatore di basket, grazie ai suoi successi imprenditoriali nel campo della tecnologia e dell’e-commerce. Attraverso la sua società F9 Strategies, Iguodala ha investito in più di 50 aziende, tra cui Zoom, Robinhood, HIMS, Jumia Technologies e Allbirds. Fa parte del consiglio di amministrazione di Jumia Technologies, una piattaforma di e-commerce spesso descritta come “l’Amazon dell’Africa”, ed è consigliere di amministrazione della società di software aziendale Zuora. Recentemente Iguodala ha co-fondato MOSAIC, una società d’investimento in capitale di rischio da 200 milioni di dollari, di cui è socio accomandatario, che si occupa di imprese, fintech, sanità e sport. MOSAIC pone al centro la diversità, concentrandosi sui rendimenti finanziari e sull’impatto sociale.

Il nativo dell’Illinois ha partecipato come relatore a eventi presso la Harvard Business School, Goldman Sachs, Morgan Stanley, Pager Duty, Airbnb e Salesforce. Nel 2017 ha unito le forze con Bloomberg per creare il Players Technology Summit, un summit annuale in cui i migliori dirigenti, i leader del settore tecnologico, i venture capital e gli atleti professionisti si incontrano in un forum educativo e stimolante. Il libro di memorie di Iguodala, The Sixth Man, ha debuttato al n. 6 della classifica dei best seller di saggistica del New York Times. Iguodala si è anche unito agli ex compagni di squadra dei Warriors Stephen Curry e Klay Thompson come proprietari della squadra di golf indoor TGL San Francisco ed è proprietario della franchigia Bay FC della National Women’s Soccer League. In un’intervista con Andscape, Iguodala ha parlato in modo approfondito della sua carriera nell’NBA, del suo coinvolgimento nell’industria tecnologica della Baia di San Francisco, del periodo trascorso con i Warriors, del fatto di essere diventato MVP delle Finali NBA, del fatto che la sua maglia sia stata ritirata con i Warriors, del perché sia il momento giusto per ritirarsi e di molto altro ancora.

Come valuti la tua intera carriera? Come la consideri e cosa sei riuscito a conquistare?

Ho avuto un paio di scambi che mi sono rimasti impressi e uno di questi è stato quello con James Worthy [ex stella dei Los Angeles Lakers]. Ero allo Staples [Crypto.com Arena] la scorsa stagione durante i playoff. Sì, forse era la gara 6 che abbiamo perso. E stavo parlando con James. Sono sempre stato un suo grande fan, ho apprezzato il suo gioco. E lui si è concesso del tempo per parlarmi e mi ha detto: “Amico, è bello incontrarti”. E io ho pensato: “Wow…”. Quando ci sei coinvolto, non te ne rendi conto.

E poi si può essere stanchi di far parte del consiglio di amministrazione, sapendo come funzionano gli affari, come i soldi possano superare l’arte del gioco a volte.

E come vero artista, anche in questo caso, c’è un conflitto. Ma le parole che James Worthy mi ha detto mettono tutto in prospettiva ed è quello che si vuole sentire. E ho avuto questa conversazione un paio di volte. Quello che sto facendo nello spazio tecnologico, quello che sto facendo fuori dal campo, come sto portando avanti il mio ruolo di ambasciatore per la lega. Sono questi i momenti e gli elogi che si devono apprezzare e che si vogliono. E questi momenti sono quelli che più mi colpiscono.

Perché è proprio questo il momento giusto per ritirarsi?

So che posso ancora giocare, ma il corpo non può sopportare più di tanto. E poi con ciò che sono stato in grado di realizzare con il [socio in affari] Rudy [Cline-Thomas] e con quanto è stato possibile costruire fuori dal campo, ho ritenuto che fosse il momento giusto. È il momento giusto per farlo. È simile a quando sono andato ai Warriors e volevo entrare nel settore tecnologico. Quante volte è possibile coniugare le opportunità in campo, dove stiamo vincendo, con quelle fuori dal campo? Anche in quel mercato le opportunità sono molto rare.

Negli ultimi due anni abbiamo concluso moltissime operazioni. Oggi ne abbiamo appena concluso uno e siamo super eccitati per questo. E proprio a causa degli impegni come giocatore, ci sono certe cose che non si è in grado di fare se si trascorre tanto tempo in palestra. Vorrei ancora esserlo, e potrei avere ancora impatto in campo, ma mi sto innamorando di tutto ciò che ho imparato mentre giocavo per trarne vantaggio”.

I Warriors o un’altra squadra NBA hanno cercato di ingaggiarti per la tua ventesima stagione?

I Warriors hanno sempre lasciato la porta aperta. Sono sempre stati gentili con me. Con loro è sempre stato amore. E poi, ovviamente, ho un posto nel mio cuore per Steph. È sempre stato il mio uomo. È un essere umano straordinario. Ma mi sarebbe piaciuto giocare anche con Chris Paul. Sarebbe stato divertente. Io e lui abbiamo parlato un paio di volte e ho cercato di essere disponibile ogni volta che avesse avuto bisogno di me per aiutarlo nella transizione di tutto ciò che accade all’interno dell’organizzazione.

Ma ho ricevuto delle strane chiamate all’improvviso da tre squadre. È stato piuttosto divertente. Ho ricevuto due chiamate intorno alla free agency da persone con cui avevo rapporti. Erano di altre squadre di cui non sapevo nemmeno l’esistenza. Mi hanno contattato chiedendo. E poi, a un torneo di golf, ho giocato con qualcuno che mi ha chiesto se mi avrebbe tenuto il posto. Quindi è piuttosto divertente.

A chi attribuisci il merito di essere più di un semplice giocatore di basket? A cosa ti sei ispirato per questo?

Molte persone, amici intimi che ho visto diventare imprenditori di successo. Aaron McKee, Kevin Ollies, Michael Strahan, Grant Hill, guardandoli fare questa transizione. Rudy Cline-Thomas ha avuto la visione di renderlo possibile. Quindi, voglio dire, si tratta di innumerevoli persone. Ho instaurato ottimi rapporti con alcuni GM, altri allenatori, Laron Profit, con cui parlo ogni giorno durante la stagione NBA. Sono tante le persone che continuano a ispirarmi, a responsabilizzarmi, ad appoggiarsi a me per ricevere istruzioni o consigli e che continuano ad avere uno scopo ogni giorno. E c’è qualcosa in noi che non va mai via.

Anche quando hai finito di giocare, non vedi l’ora di raggiungere il prossimo obiettivo, il prossimo traguardo in cui puoi essere determinante, in cui puoi avere un impatto. Non lo so. È solo la legge dell’attrazione. Sono sempre stato circondato da persone che la pensano come me e che mi hanno dato fiducia, ispirazione o semplicemente mi hanno aiutato a capire dove voglio arrivare.

Si può dire che l’attrazione per la firma con i Warriors fosse anche legata alla vicinanza al mondo tecnologico della Bay Area?

Questo faceva parte del piano. Sapevamo cosa c’era là fuori e sapevamo di dover sfondare una porta. Dovevamo trovare un modo per entrare. Quindi, con ogni mezzo necessario. Usiamo questa frase, ma questa è l’energia che abbiamo portato con noi.

Hai guadagnato quasi 200 milioni di dollari come giocatore dell’NBA. Hai guadagnato di più fuori dal campo?

Abbiamo costruito la rete e io ho sviluppato l’acume per poter essere lì un giorno. Ma lasciamo perdere, perché la maggior parte delle persone non capisce cosa significhi… Quindi, la capitalizzazione di mercato è possibile, ma non è che posso andare in banca e prenderla domani.

Come siete rimasti al passo con le novità del settore tecnologico?

Eravamo semplicemente lì, nella Bay Area. Abbiamo costruito quelle relazioni là fuori e ricordo di aver avuto conversazioni con molti dei protagonisti in termini di come si crea l’accesso non essendo in quello spazio. E si vedono spuntare qua e là diversi hub tecnologici. Ma non ci sarà mai un livello di talenti concentrato in un’unica area come nella Bay Area, con tutte le scuole che ci sono. Stanford, Cal, tutte le imprese, tutte le aziende. La Silicon Valley è un luogo reale. Sandhill Road è un luogo reale. È tutto accatastato l’uno sull’altro.

Quindi, abbiamo avuto un vantaggio competitivo basato sulla nostra posizione e abbiamo cercato di usarlo e di fare leva su di esso per essere in grado di farlo. Grandi o piccole cose.

Ho parlato più volte con Chris Paul a proposito della bolla NBA durante la pandemia e lui ha sempre parlato di te come del suo braccio destro. Quanto è orgoglioso di ciò che tu e lui siete stati in grado di realizzare in termini di architettura e implementazione della bolla? E anche dal punto di vista della giustizia sociale, di ciò che siete stati in grado di fare nella bolla e di ciò che vi è rimasto impresso?

Ho trovato un vero amico in Chris Paul in quel processo, in quanto siamo stati rivali e lui è un agonista senza freni. È al livello di Michael Jordan. Farebbe di tutto per vincere e questo potrebbe dare fastidio alle persone, che potrebbero non capirlo. Ma lavorando con lui nel sindacato, ho potuto vedere quanto fosse concentrato in tutto ciò che faceva. Prendeva tutto molto seriamente e lo teneva in grande considerazione. E il sindacato era come un dovere che lui serviva al massimo delle sue capacità. Credo che gli altri siano stati in grado di vederlo. Io l’ho approcciato allo stesso modo e sapevamo quanto fosse importante per noi agire nel contesto in cui ci trovavamo. E non si trattava solo di giocare a basket. E alcune persone avrebbero potuto vederla nel modo sbagliato, come se stessimo giocando con tutto ciò che stava accadendo. E noi cercavamo di spiegare alla gente che era qualcosa di più.

Molte persone nel Paese erano senza lavoro e non potevano garantire sostentamento per loro stessi e per le loro famiglie. E noi abbiamo avuto l’opportunità di essere sul campo, di giocare e di prendere posizione per qualcosa. Se non giochiamo, cosa facciamo? La nostra piattaforma è molto più grande su quel campo, se la vediamo in questo modo. E credo che questo porti anche a un diverso livello di apprezzamento del gioco.

Per cosa vi battete? Per cosa giochi? Può essere più grande di te. E questa è la vera essenza del sindacato. L’unione è al servizio del bene superiore dei giocatori e del nostro fisico, ma anche del nostro spazio mentale, del nostro spazio psicologico, di tutte queste componenti. E credo che siamo riusciti a legare come sindacato. Non abbiamo mai avuto così tanti giocatori insieme in una sola volta, compreso il lockout. È stato un momento bellissimo, perché sono successe delle cose, ma siamo stati in grado di superarle e di tornare insieme per raggiungere il nostro scopo.

La maggior parte della gente pensava che si giocasse solo per prendere i soldi e andare a casa. Ma in campo si è percepito il messaggio di Black Lives Matter. Forse ci sono stati problemi con l’organizzazione, ma per noi Black Lives Matter è più di un’organizzazione. Questa dichiarazione parla da sola. E visto che il nostro campionato è composto per la maggior parte da afroamericani – anche i giocatori stranieri, che si tratti di Francia, Brasile, Africa, giocatori africani, come il Senegal quest’estate – è una cosa globale”.

Che consiglio daresti ai sindacalisti per il futuro e cosa pensi dello stato del campionato per i giocatori in questo momento?

È una nuova generazione e quindi dobbiamo continuare a comunicare meglio con i più giovani. Dovete prendere questa fiaccola. Dovete portarla, mantenerla, custodirla con cura e poi essere pronti a cederla alle nuove leve. Per questo motivo, abbiamo discusso molto bene sull’identificazione della prossima schiera di giovani che si adatteranno perfettamente ai loro doveri nei confronti del sindacato, al modo in cui conduciamo gli affari, al modo in cui ci comportiamo e al modo in cui implementiamo le nuove idee.

Perché il mondo cambia ogni decennio, a quanto pare. Parlavo con Brad Gerstner [fondatore, presidente e amministratore delegato di Altimeter Capital] durante la nostra gita aziendale, e diceva che in passato si poteva passare una vita intera senza un’invenzione, ci si poteva perdere un’invenzione nel corso della vita perché queste non avvenivano così velocemente come ora.

Ma ad oggi ci sono nuove invenzioni ogni anno, quindi potrei vivere attraverso 50 invenzioni. Siamo passati dalle criptovalute, dall’IA [intelligenza artificiale], dal telefono cellulare. Potremmo anche vedere diversi modi di alimentare i nostri motori. Quindi, ci sono così tante cose diverse. E poi l’AI inventerà qualcosa.

Dico tutto questo per dire che nasceranno nuove cose sul modo in cui conduciamo gli affari, ma dobbiamo solo essere molto attenti a come farlo al meglio per i 450 o 500 giocatori. La vedo come una partnership, e lo è per il 99% del tempo. Ma in quell’1% di tempo, per capire che si deve sporcare le mani, sporcare i piedi, mettere un po’ di sudore e sacrificarsi un po’ per quello che dovremmo rappresentare e per il modo in cui facciamo affari come giocatori. Una volta conclusa l’attività, si torna subito a essere partner.

TGL, la nuova lega di golf a squadre basata sulle nuove tecnologie, ha annunciato la formazione dell’ultimo gruppo di proprietari che sta acquisendo i diritti della squadra di San Francisco di TGL, e che comprende te e i tuoi vecchi compagni di squadra dei Warriors Stephen Curry e Klay Thompson. Cosa puoi dirci in merito?

La lega TGL è stata avviata e sarà una grande esperienza per lo sport del lunedì sera in prima serata. Lo si vede solo nel calcio, ma quando la stagione calcistica è finita, non c’è più uno spazio in prima serata. Nella maggior parte delle città americane – East Coast, Midwest – ci sono il Top Golf, il Five Iron Golf, tutti questi modi diversi di partecipare al gioco nati dalla pandemia del golf, che ha fatto esplodere la partecipazione in America.

Ora la tecnologia ci permette di divertirci il lunedì sera con i migliori giocatori del mondo, a partire da Rory McIlroy e Tiger Woods. Inizieremo con sei squadre e abbiamo appena annunciato di essere la squadra di golf della Bay Area-San Francisco. Non abbiamo ancora trovato un nome, ma io, Klay e Steph saremo fortemente coinvolti nel processo decisionale e nel marketing. Parteciperemo attivamente alla costruzione dell’organizzazione. Saremo molto attivi e non vedo l’ora di cominciare”.

In quanto agli Warriors, come speri che i tifosi si ricordino di te e cosa si evince dalla vittoria di questi quattro campionati?

Ho avuto un ottimo rapporto con i tifosi. Non hanno fatto altro che apprezzare me e il mio tempo trascorso lì. Me lo dicono spesso. Do sempre tutto il merito a Steph, ma essendo una delle prime tessere del domino a cadere in termini di ingaggio di un free agent, non c’era davvero un free agent che accettasse meno soldi per andare in quel mercato. Non l’avevamo mai visto. È stato un connubio perfetto in termini di abilità, quoziente intellettivo e adattamento del mio gioco a quei ragazzi, oltre a essere a mio agio nel passare in secondo piano e sacrificarmi per l’inevitabile. È stata una cosa meravigliosa.

Mi hanno dimostrato tanto amore. Sono stato in città dove il rapporto è stato un po’ altalenante. Ma fin dall’inizio mi hanno mostrato molto amore e rispetto, hanno capito il gioco della pallacanestro e hanno capito cosa portavo alla squadra. Conoscevano il mio livello di gioco e io facevo un passo indietro rispetto a quello che potevo produrre. Ma quello che compensavo in termini di QI e di apporto alla squadra, loro lo capivano. Quindi non ho mai dovuto difendermi o dimostrare il mio valore. Credo che lo abbiano capito. E questo è sempre apprezzabile per un atleta nel mondo dello sport”.

Il co-proprietario dei Warriors Joe Lacob ha detto pubblicamente che un giorno ritirerà la tua maglia numero 9. Cosa ne pensi?

È una cosa molto bella. Joe è il mio uomo. Joe mi piace davvero. Joe è intenzionato a vincere. E questo non è il caso della maggior parte degli imprenditori sportivi. Quindi, lo rispetto ad alto livello. Capisco quanto sia importante. Devi vincere, devi avere una buona squadra per ottenere certi riconoscimenti, a meno che tu non sia lo 0,1% di un talento. L’ho già detto a proposito della Hall of Fame. Ci sono alcuni ragazzi che hanno una classifica tutta loro. Ma credo che l’essere un vincitore abbia un suo valore. È stato un momento importante per me, che si colloca tra i miei più grandi successi, solo perché ho imparato qualcosa da quella cultura. Porterò con me molta di quella mentalità ovunque andrò, sia in campo che fuori. Sono stato molto grato di aver vissuto l’esperienza di giocare a Miami.

Hai definitivamente chiuso con la pallacanestro?

Non si chiude mai quella porta. È una cosa che mi viene naturale. Lo faccio nel sonno. Se posso pensare agli affari, penso al basket. Sono fiducioso in questo. Ho piena fiducia nel mio cervello e nelle mie capacità e QI. Come dicevo a qualcuno, il gioco è in ultra slow-motion. Riesco a vedere le cose con due quarti di anticipo. Ed è per questo che ho grande rispetto per ragazzi come Rajon Rondo, ragazzi come LeBron James e per il loro modo di vedere il gioco. E voglio tradurlo anche fuori dal campo, ma non chiuderei mai quella porta solo perché è un dono che Dio mi ha dato. E non voglio cancellarlo.

Per quanto riguarda gli affari, ho fondato la nostra società Mosaic General Partnership, e stiamo investendo in startup in fase iniziale, Pre-C, serie A, serie B, abbiamo chiuso il nostro primo investimento il 1° maggio, e quindi siamo a pieno regime. Abbiamo investito in 10 società tra fintech, health tech, software proptech, sport e media. Abbiamo trovato degli sbocchi unici nel campo della tecnologia e dello sport che cercheremo di sfruttare per essere i primi a muoversi in questo settore.

E rimarrai nella Bay Area?

Rimarrò sicuramente nella Bay Area. Per il futuro. Sono appena entrato a far parte del Consiglio della Fondazione UCSF, una delle più grandi reti ospedaliere che svolge un lavoro eccellente. Hanno l’ospedale Benioff a Oakland. Ci stiamo investendo un sacco di risorse. Non so se posso parlare del nuovo ospedale che intendono costruire, ma è un’iniziativa filantropica di cui sono davvero entusiasta di far parte. Solo per le persone che incrocio e per il modo in cui stiamo cambiando le vite. È un’altra cosa a cui mi dedicherò molto per portare alcuni di questi valori e alcune di queste conoscenze in altre cose che sto facendo.

Fai anche parte del gruppo di proprietà della NWSL Bay FC Soccer. Cosa puoi dirci a questo proposito?

Sono molto eccitato. Gli Warriors hanno la squadra femminile della WNBA. Ma il Bay FC è la squadra della National Women’s Soccer League di cui farò parte anche nel consiglio di amministrazione. In effetti, sto facendo un po’ di reclutamento in questo momento, cercando di portare qualcuno. Ed è proprio questo il posto nel quale è entusiasmante essere una donna, qui nella Baia. E lo sport che sta crescendo molto, molto velocemente, che la lega sta per decollare e che aiuta a costruire l’Atleta 2.0, come ci piace chiamarlo. E aprire l’ecosistema tecnologico agli atleti e soprattutto alle donne.

Poi sarò direttamente coinvolto nella squadra del Bay FC. Abbiamo un hub di grandi giocatori di calcio. E poi c’è una correlazione diretta con le atlete della Division I e le posizioni di alto livello in queste aziende Fortune 500. C’è un’iniziativa di leadership di [ex COO di META Platforms] Sheryl Sandberg all’interno della squadra.

Sono davvero entusiasta di questa iniziativa, che consiste nel creare una rete di fondatrici e leader femminili e nel garantire loro un accesso diretto alle ragazze che stanno crescendo attraverso il programma di base. Più ragazze praticano sport, più atleti di serie A, più donne dirigono queste aziende. E questo significa più diversità, più profitti, più inclusione. Il mondo è un posto migliore quando c’è una comunità più ampia all’interno dell’azienda.